OGGI, PRIMO DELL’ANNO / PROFUMO DI VITA

| 1 gennaio 2021 | 0 Comments

di Anna Leo______

É scesa la sera del 31 dicembre 2020, attraverso i vetri vedo accese le lampade di luce rossastra, mi affaccio alla finestra e nel silenzio velato di nostalgia la notte di San Silvestro avvolge l’universo.

Controllo l’orologio: mancano un paio di ore alla mezzanotte per brindare al nuovo anno, mentre un dolore con lama tagliente trapassa l’aria di questo spazio aperto, senza pareti, completamente vuoto, ricordo gli anni precedenti dove frastuoni, voci allegria e musica coloravano il tempo di magia.

 

Sono cambiati scenari, cose e persone. Il Covid-19, l’inaspettata pandemia ha portato sofferenze, morte e paura. L’umanità intera è impegnata a contrastarne la diffusione e a limitarne il più possibile le conseguenze sulle persone.

Le priorità per ciascuno di noi per le famiglie, per le imprese, per gli stati sono mutate, siamo terribilmente disarmati e feriti da questa freccia avvelenata del virus che ci priva della quotidianità e degli affetti più cari.

 

Nel disorientamento generale è indispensabile,sentirci uniti e avere fiducia oltre che nella scienza che incessantemente studia come immunizzarci e proteggerci dal virus, anche negli aiuti necessari da parte delle Istituzioni per la ricostruzione di una nuova collettività.

 

L’umanità attende decisioni adeguate con il forte desiderio di guarire per ricostruire quanto si è perduto per ricominciare a vivere.

 

Il 2021 arriva in una condizione tale da rendere preziosa ogni possibilità di trasformazione tra le quali la necessità di dare ai giovani nuove prospettive di inserimento sociale, predisponendo nuove fonti di lavoro e guadagno.

Realizzare nuove strategie di mercato per sostenere le famiglie più bisognose per dar loro il modo di concretizzare progetti di vita, auspicando anche assistenza alle fasce più deboli come quelle degli anziani.

 

Il 2021 è l’anno in cui speriamo di riappropriarci di valori, relazioni, dialogo e poter riuscire ad attingere dalla nostra anima spiritualità e bellezza, da donare a coloro che sono stati maggiormente colpiti.

 

Il Covid-19 è stato un trauma unanime, quanto è successo era inimmaginabile, ha portato in una situazione di abbandono, ma il senso civico di tutti noi e la responsabilità dell’isolamento ci ha salvato.

 

Il confinamento non è stato la privazione della libertà, come da tanti definito, ma la forma più alta di solidarietà e fratellanza. Osservando le regole abbiamo protetto la propria e altrui vita da un contagio subdolo e senza volto.

 

Pochi minuti e saremo nel nuovo anno.

Auguro a tutti di affrontare il presente con coraggio, di non smettere di vedere nel buio la luce e di curare le ferite con poesia.

In questo momento la centralità di noi sopravvissuti è di completare ciò che nel 2020 è rimasto incompiuto e rendere il resto vivente.

Il nostro futuro è adesso. Da qui dobbiamo ricominciare!

Benvenuto 2021!

Buon anno a tutti!

Che sia l’inizio di una nuova rinascita globale.______

CREDITS: nella foto di copertina, Edvard Munch, “Ragazza alla finestra”, 1893, olio su tela, The Art Institut, Chicago.______

 

Anna Leo  laureata in Sociologia e Studi Geopolitici Internazionali presso l’Università del Salento, ha pubblicato le raccolte di poesie “Spazi d’azzurro” (Casa Editrice Terre d’olivo), “Ai margini dell’anima” (Edizioni Esperidi), “Sulla sabbia il profumo d’inverno” (Edizioni il Raggio Verde).

Con il racconto “Una stella sul casale”, edito da Città Futura, emerge la sua passione per la prosa. Segue il romanzo “Graffi di polvere nell’eco delle tue parole” (edito da Kimerik).

Con il monologo “Una nuova Aurora” dà vita al progetto riguardante l’educazione alla non violenza, come prevenzione al femminicidio.

Attualmente collabora al  progetto “Quaderni Salentini” ideato e coordinato dal professore Enrico Cuccodoro presso la facoltà di Scienze Giuridiche dell’ Unisalento.

La ringraziamo per aver accettato l’invito di leccecronaca.it a regalare ai nostri amici e lettori una sua riflessione per la ricorrenza odierna.

 

 

 

 

 

 

 

Category: Costume e società, Cronaca, Cultura, Eventi

Lascia un commento