MOSTRA DEL GRUPPO DAMP A LECCE DA MARTEDI’ 1

| 30 maggio 2021 | 0 Comments

di Raffaele Polo______

Dalle iniziali dei propri cognomi che sono, rispettivamente, Luida De Donato, Alessandro Aemento, Viviana Marchiò e Adriano Ponte, nasce il gruppo DAMP, fondato nel 2017,  che martedì 1 giugno 2021 dalle 18.00 alle 21.00, presso Kunstschau_Contemporary Place a Lecce in via Gioacchino Toma 72, apre la mostra Anemocoria, con il contributo critico di Mario Francesco Simeone.

Il titolo Anemocoria, termine che indica letteralmente il processo di dispersione dei disseminali delle piante operato dal vento, suggerisce quello sguardo al tempo stesso scientifico e poetico attraverso cui indagare la vitalità della natura e i suoi processi di trasformazione, nel tentativo di comprenderli.

L’opera è costituita da tubi trasparenti collocati orizzontalmente lungo il perimetro del box ad una breve distanza l’uno dall’altro, come moduli di un unico percorso; al loro interno pappi di tarassaco, emblemi del disfacimento necessario alla creazione, occupano lo spazio muovendosi sospinti dall’aria che si introduce tra le aperture dei moduli. L’intervento artistico fornisce così uno spiraglio attraverso cui osservare il disordinato e imprevedibile moto degli elementi, osservazione che fa la chiave di accesso alla comprensione di quel caos essenziale per la ri-generazione della vita stessa. Il tarassaco, pianta ostinatamente abile nel riadattarsi anche in condizioni inospitali, diventa insegna di quella caparbia, incoerente e inaspettata resistenza fatta di delicati equilibri.

Con un intento simile a quello, certamente più omogeneo, tentato da  Lucrezio nel suo De rerum natura, anche il collettivo DAMP con Anemocoria interroga la natura a partire dai suoi testimoni più modesti eppure chiarificatori di un intreccio molto più complesso.

La tesi che i giovani componenti del gruppo vogliono rappresentare è sintetizzata nell’idea che la vita si riveli non definibile attraverso poche coordinate scontate, ma attraverso la simbiosi di azioni e verità eterogenee, mutevoli e inaspettate.  Ai visitatori della singolare mostra il giudizio finale.

Category: Cultura, Eventi

Lascia un commento