I CONTROLLI IN TUTTA LA PROVINCIA DEI CARABINIERI

| 8 agosto 2021 | 0 Comments

 

(e.l.)_________E’ di cinque arresti e sedici denunce a piede libero il bilancio dell’operazione straordinaria di controllo del territorio attuata nelle ultime ore dai Carabinieri su ordine del comandante della Compagnia Provinciale di Lecce colonnello Paolo Dembech (nella foto un posto di blocco a Porto Cesareo).

In dettaglio i casi più significativi.

 

A Sant’Isidoro denunciato per furto un uomo di 48 anni di nazionalità tunisina, trovato in possesso di cinque smartphone, di cui uno rubato da pochi minuti ad un turista.

 

A Gallipoli sono stati denunciati un uomo di 60 anni di Bari e un giovane di 37 anni di Casarano trovati in possesso di ventitré grammi di marijuana e di dieci piante coltivate, l’accusa è di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

 

Coltivava piante di marijuana anche un giovane di 26 anni di Copertino, anch’egli scoperto e denunciato.

 

Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti è l’accusa per cui è stato arrestato, e, su disposizione dell’autorità giudiziaria, posto ai domiciliari, un uomo di 45 anni di Lecce, trovato in possesso di tredici grammi di hashish.

 

 

Denunciata invece a piede libero una giovane di 32 anni residente a Giorgilorio di Surbo con l’accusa di spaccio di cocaina nella sua abitazione, che, fra l’altro, è risultata allacciata abusivamente al contatore condominiale dell’energia elettrica, per cui alla precedente si è aggiunta anche la denuncia per furto.

 

Un giovane di 34 anni è stato denunciato a piede libero con l’accusa di lesioni personali aggravate, per aver picchiato la propria compagna al culmine di un litigio avvenuto per futili motivi in un villaggio turistico di Otranto. La vittima ha riportato diversi traumi, oltre alla perdita di un dente.  Ne avrà per quaranta giorni, come da referto dell’ospedale Veris Delli Ponti di Scorrano.

 

E’ finito invece nel carcere di Borgo San Nicola a Lecce un uomo di 46 anni di Alessano che ha minacciato con un coltello la madre e il fratello durante un litigio famigliare, e poi, prima di essere disarmato e arrestato in flagranza di reato, i Carabinieri intervenuti per cercare di calmarlo.

 

Category: Cronaca

Lascia un commento