SECONDA FESTA NOSCIA IN TONO MINORE, SOLO POCHE LUMINARIE, BANDA MUSICALE E FUOCHI D’ARTIFICIO

| 9 agosto 2021 | 2 Comments

(Rdl)______”Purtroppo per il secondo anno a causa della persistere dell’emergenza sanitaria e stante il quadro di misure di contenimento del contagio da SARS-CoV-2, ad oggi, si conferma, purtroppo, l’impossibilità di realizzare alcune tradizionali attività programmate nel periodo delle festività patronali leccesi come la cosiddetta Fiera di Sant’Oronzo ed il Luna Park”.

Scrivono così gli amministratori comunali, nella delibera di giunta n. 210 del 05/08/2021 pubblicata oggi e dedicata alle ormai imminenti feste patronali , e così proseguono, in pratica deludendo le tante attese e le tante richieste che da più parti si erano levate nei mesi scorsi:

“ATTESO:
CHE in occasione delle festività dei Santi Patroni, le cui celebrazioni religiose avvengono nei giorni
24, 25 e 26 Agosto, la città, per tradizione, di consueto festeggia la ricorrenza con un ricco
programma di iniziative che attira moltissimi visitatori dalla provincia di Lecce e di quelle
confinanti; oltre ai tanti turisti presenti in città e nell’hinterland;
CHE la situazione epidemiologica SARS Cov 2 (Covid19), malgrado la campagna vaccinale, non
può dirsi rientrata e continua a destare preoccupazione e obbliga a comportamenti orientati alla
cautela. In questo momento storico l’azione amministrativa, seppur tesa al perseguimento di una
graduale ripresa del tessuto economico e sociale, non deve perdere di vista la tutela della salute
pubblica che resta sempre l’interesse prioritario;
CHE il 23 luglio 2021 è stato adottato il Decreto-Legge n. 105 “Misure urgenti per fronteggiare
l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e per l’esercizio in sicurezza di attività sociali ed
economiche” che proroga al 31/12/2021 lo stato di emergenza dichiarato con deliberazione del
Consiglio dei ministri del 31/01/2020 e conferma diverse misure restrittive oltre al divieto di diverse attività”.

QUINDI ECCO QUANTO DECISO:

Si è ritenuto, pertanto, di assumere un atto di indirizzo che limiti le attività tese alla celebrazione
delle festività patronali alle seguenti attività:

– l’installazione dei tipici addobbi luminari (cd. Luminarie) in alcune vie del centro storico e
della cassa armonica in piazza Sant’Oronzo, destinando a tale intervento la somma
complessiva di € 17.000,00;

– l’esibizione itinerante in città e fissa in città della banda musicale „Città di Lecce-Nino Farì“
diretta dal M° Giovanni Pellegrini verso un corrispettivo omnicompresivo di € 12.500,00,
proposta dall’associazione Musicale Salentina di Surbo;
– la realizzazione del consueto spettacolo pirotecnico verso un corrispettivo omnicompresivo
di € 5.000,00;
– la collaborazione con l’associazione Pugliarmonica di Lecce (P.IVA 04849810751)
consistente in forme di coordinamento e supporto per garantire la migliore riuscita delle
attività di cui innanzi.

Per quanto innanzi, il budget per l’intervento in parola, che deve comprendere anche i
diritti SIAE relativi all’esibizione della banda e altre spese di organizzazione, è stimato in €
40.000,00″.

Sui dettagli di quanto deliberato dall’amministrazione comunale e sulle decisioni della Curia  parleranno domani mattina, martedì 10 agosto, il sindaco Carlo Salvemini e l’arivescovo Michele Seccia in una conferenza stampa congiunta.______

LA RICERCA nel nostro articolo dell’8 giugno scorso, contenente in coda nei commenti altre successive prese di posizione

LA FESTA NOSCIA COME RINASCITA DELLA CITTA’

 

Category: Cronaca, Politica

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Ufficio Stampa Comune di Lecce - tramite mail ha detto:

    Anche quest’anno le celebrazioni per i Santi Patroni di Lecce, Oronzo, Giusto e Fortunato, risentiranno del protrarsi dello stato di emergenza legato alla pandemia di Covid-19 e alle restrizioni governative per contenerla. I numeri dei contagi degli ultimi giorni impongono prudenza e cautela, ragion per cui Comune e Curia hanno condiviso la posizione di dover limitare il più possibile le situazioni di potenziale rischio nelle celebrazioni religiose e civili, rinunciando, quindi, alle occasioni di festoso assembramento come la processione, la fiera, il luna park.

    Nonostante questo, però, essendo un periodo di ripresa e di ripartenza, a differenza dell’estate scorsa, fra le celebrazioni civili, organizzate dall’assessorato allo Spettacolo del Comune in collaborazione con l’Associazione Pugliarmonica, ci saranno le luminarie installate lungo il percorso che collega a piazza Duomo da Piazza Sant’Oronzo, Porta Rudiae e Porta Napoli (poi all’ingresso di Palazzo Carafa dove c’è la statua del Santo Patrono e vicino al Santuario di Sant’Oronzo fuori le mura), torneranno i fuochi pirotecnici finali e la cassarmonica in centro per i matinée bandistici a cura della Banda Città di Lecce “Nino Farì”, diretta dal M° Giovanni Pellegrini. Molto apprezzato un anno fa, sarà confermato anche il tour itinerante nei quartieri della città della stessa banda durante i quattro giorni di celebrazioni con partenza dall’Ospedale Vito Fazzi.

    La novità, invece, legata specificatamente alle celebrazioni religiose riguarda l’avvio dell’Anno Giubilare Oronziano, in occasione dei 2000 anni dalla nascita del primo vescovo e martire della città, attestata, secondo le fonti più accreditate, nel 22 d. C.

    L’Anno giubilare, in attesa della Bolla di indizione ma già autorizzato per le vie brevi dalla Penitenziaria Apostolica e fortemente voluto dall’Arcivescovo Mons. Michele Seccia, prenderà il via nei giorni tradizionalmente dedicati alla festa patronale e si concluderà il 26 agosto 2022. Un apposito Comitato pro Giubileo Oronziano, coordinato da don Michele Giannone, è al lavoro da alcune settimane alla programmazione delle iniziative da realizzare nell’arco dell’anno, anche per approfondire la figura di Sant’Oronzo e l’introduzione del Cristianesimo in Puglia. Per l’occasione, durante i Vespri del 24 agosto in Piazza Duomo, dopo il consueto messaggio dell’Arcivescovo alla città, per la prima volta, mons. Seccia pronuncerà l’Atto di affidamento a Sant’Oronzo cui seguirà la simbolica consegna delle chiavi della città da parte del Sindaco Carlo Salvemini e l’imposizione della Croce Pettorale alla statua argentea da parte del Presule.

  2. Giorgio Pala, consigliere comunale centro destra - tramite mail ha detto:

    I sottoscritti Consiglieri Comunali, preso atto della lettera inviata al Prefetto da ANA (associazione nazionale ambulanti) nelle ultime ore, si mettono a disposizione per accompagnare i rappresentanti dell’associazione in occasione del futuro incontro richiesto.

    L’amministrazione comunale leccese, infatti, in maniera del tutto inspiegabile continua a vietare lo svolgimento della Festa Patronale di Sant’Oronzo, creando un danno ingiusto non solo ai tanti concittadini ma anche e soprattutto agli operatori commerciali che chiedono solo di lavorare, dopo un anno e mezzo di pandemia.

    Da almeno due mesi, i sottoscritti denunciano a mezzo stampa e in aula consiliare questa situazione: nulla da fare purtroppo, il Sindaco Salvemini è rimasto sordo, tirando dritto per la sua strada.
    Alla luce di questo, non vogliamo soltanto esprimere un’approvazione verso l’azione intrapresa da ANA, ma rinnoviamo al Prefetto la richiesta di incontro urgente, mettendoci a disposizione per parteciparvi e per far valere le giuste ragioni degli ambulanti.

    Lecce, 19/08/2021

    Giorgio Pala
    Severo Martini
    Gianmaria Greco
    Antonio Finamore

Lascia un commento