NOVITA’ EDITORIALI / “E se raccontassi” DI GIUSEPPE ZILLI, PRESENTAZIONE A LECCE VENERDI’ 1 OTTOBRE

| 28 settembre 2021 | 0 Comments

di Raffaele Polo______

 

È certamente suggestiva l’idea di ripercorrere, ancora una volta, l’affascinante cammino che ci indicano gli haiku giapponesi, componimenti misteriosi ma ricchi di un fascino ineguagliabile, strettamente legati a tutto lo scibile orientale, proprio quella sorta di filosofia che noi occidentali non riusciremo mai a capire.

Ed è a questa forma di poesia che si ispira Giuseppe Zilli, molto esplicito nel sintetizzare la sua nuova opera: “E se raccontassi”, edito da I quaderni del Bardo e presentato a Lecce,  venerdì 1 ottobre 2021, alle 18, 30, al Museo Faggiano, in via Ascanio Grandi 56,  con l’intervento di  Maurizio Nocera e Stefano Donno:

«Molto spesso inizio a scrivere annullando la mente, le parole piano piano o d’impeto si spandono sulla carta, prendono forma. Una bussola mi accompagna in questo viaggio, la consapevolezza di non essere solo.

Mi piace molto la forma degli haiku giapponesi, piccole storie concentrate in tre versi. Un mondo, che apre orizzonti inesplorati e così cerco la semplicità del verso, la possibilità dell’essenziale.

Molto spesso siamo circondati dal molto, molte parole, molte immagini, molto rumore, ecco cercare di togliere il superfluo, limitarmi a poche righe, ma nello stesso tempo costruirmi un mondo. Mi ha sempre affascinato il testo della Bibbia “Genesi”, in cui Dio nel creare il mondo, lo divide in giornate lavorative ed espressamente dice: “E fu sera e fu mattina” per ogni ciclo, per ogni giornata. Perché nell’ambito di una giornata si chiude un cerchio, che si può allargare o restringere a seconda della capacità di ognuno di noi.

Molte poesie sono accompagnate da un’ immagine, che non è l’illustrazione dei versi. Immagini semplici, che hanno una forma autonoma, ma nello stesso tempo racchiudono il senso dei versi, ai quali fanno riferimento.

La disposizione dei versi e delle immagini è collocata in modo tale che i versi siano la lingua originale, le immagini la traduzione e come tale una interpretazione, che non rispecchia la parola. La matita va per conto suo e io la lascio tracciare, per interpretare». ______

______

Per acquistare il libro

https://www.amazon.it/se-raccontassi-Giuseppe-Zilli/dp/B09BLY7G22

 

Category: Cultura, Eventi, Libri

Lascia un commento