CASA LECCE / PARLA IL BOMBER MASSIMO CODA

| 29 settembre 2021 | 0 Comments

(m.a.)______

Questa mattina  ha parlato in conferenza stampa  Massimo Coda (nella foto), attaccante del Lecce.

L’ Hispanico ha tracciato un bilancio di queste prime sei giornate di campionato, per poi proiettarsi sul Monza,    avversario dei salentini venerdì sera al Via del Mare.

Di seguito le dichiarazioni dell’attaccante campano:

NUOVO MODULO: “Con il 4-3-3 sapevo che avrei dovuto fare un lavoro diverso, più dispendioso a livello fisico e di lotta sulle seconde palle. Nonostante questo, mi sto confermando a livello di numeri, e ciò è molto importante”.

BARONI: “Tuttavia ritengo importante avere a disposizione più moduli. A Cittadella, per esempio, eravamo in difficoltà, e Baroni è intervenuto col passaggio al 4-2-3-1, ottenendo il risultato sperato.  Il mister è bravo a capire la soluzione più adatta, e per fare grandi cose occorrono più opzioni. Con questo e la compattezza del gruppo è possibile arrivare lontano”.

MONZA: “La scorsa stagione il campionato lo abbiamo perso contro il Cittadella, poi a Monza perdere in quel modo ci poteva stare. Venerdì affrontiamo una squadra con grandi individualità. Noi dovremo cercare di limitarli e metterli in difficoltà il più possibile. Sulla carta i lombardi dovrebbero stravincere il torneo, può capitare di  avere timore, ma questo ci deve passare perché noi siamo il Lecce e non abbiamo nulla in meno rispetto a loro. In passato potevo essere del Monza? Ci fu un incontro con i vertici societari  brianzoli, ma poi alla fine optarono per altre soluzioni”.

FUTURO: “Sono concentrato sul campo al momento. Con la società il rapporto è ottimo, a tempo debito parleremo del  contratto”.

ALESSANDRIA: “Siamo una squadra che ha cambiato tanto, era normale avere bisogno di tempo e incontrare all’inizio qualche difficoltà. Poi nel momento in cui devi vincere a tutti i costi hai più difficoltà, anche per questo la vittoria contro l’Alessandria ci ha permesso di sbloccarci, dandoci fiducia per le partite successive, soprattutto quella a Crotone”.

BENEVENTO: “Quando arrivano le occasioni io sono contento perché vuol dire che giochiamo bene e creiamo tanto. Poi capitano quelle partite in cui il pallone non entra, e proprio contro il Benevento, assieme a Crotone, dove abbiamo disputato la nostra migliore partita mi è capitato di sbagliare”.

ESTERNI: “Con Strefezza, Di Mariano, Olivieri, Paganini e Listkowski andiamo bene in quanto creiamo superiorità numerica  e ti mettono nelle condizioni di fare gol. Poi come abbiamo visto ne fanno anche”.

 

 

 

 

 

 

Category: Sport

Lascia un commento