ARTISTI SALENTINI / NULLO D’AMATO

| 27 Ottobre 2021 | 0 Comments

di Raffaele Polo______

Salentino di San Cesario, morto a Lecce a 69 anni nel 1982, Nullo D’amato è ricordato soprattutto per le sue splendide composizioni grafiche, spesso integrate da presenze multimateriche, a testimoniare la particolare predilezione di  questo Artista verso la sperimentazione, la conoscenza di tutte le più intriganti possibilità che vengono dalla calcografia e, in sostanza, il suo essere sempre alla ricerca di nuove sollecitazioni.

D’Amato prediligeva, tra l’altro, l’insegnamento: e il suo vasto percorso artistico è affiancato da una presenza costante accanto ai giovani, in un confronto-condivisione che ha sempre prodotto, dopo le necessarie sperimentazioni, un visibile, gradevole esito.

 

Nullo D’Amato, si badi bene, non rifiutava le nuove tendenze dell’arte: ma le ha sempre filtrate con quell’occhio esperto che veniva dal suo sentirsi sostanzialmente un interprete, un artigiano figurativo che, al passo con i tempi, si adeguava, senza rinunciare alle solleticazioni di mode e improvvisati sperimentalismi.

Nullo aveva il pregio di studiare, provare, ritentare, interpretare senza esagerazioni la realtà attorno al proprio iter, riproducendo e filtrando soprattutto quello che la magica realtà architettonica della sua terra gli andava, via via, offrendo. E non è un caso che le sue produzioni più apprezzate e più interessanti siano proprio legate a scorci naturali, a chiese, a realtà urbane che si elevano dalla semplice funzione di ‘sfondo’ per diventare un tutt’uno con le figure umane, in riusciti assemblaggi che caratterizzano la vasta scelta grafica e pittorica dell’artista.

Persona piena di entusiasmo e sempre pronta a mettersi in discussione, a partecipare a dibattiti e confronti, Nulla D’Amato è rimasto nella memoria salentina tra i più amati frequentatori delle icone barocche, reinterpretate e ingentilite con il colore e l’anima del Novecento.

Un risultato che nessuno, meglio di lui, riusciva ad ottenere.

Category: Cultura

Lascia un commento