“GUARDAMI”: FINO AL 28 NOVEMBRE AL CONSERVATORIO SANT’ANNA DI LECCE LA MOSTRA FOTOGRAFICA CHE CI METTE “LA FACCIA” CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

| 25 novembre 2021 | 0 Comments

 

di Chiara Evangelista______

 

“Denuncio domani”. Domani. Questo è ciò che molte donne vittime di violenza si dicono, rimandando il momento di denunciare il proprio partner, poiché sperano che gli episodi di violenza in futuro non si ripeteranno. Ma quel domani, spesso, diventa dopodomani, e quel dopodomani diventa mai.

Ecco perché le associazioni come “La Girandola” aiutano le donne vittime di violenza nel complicato percorso che porta alla denuncia, tutelandole ovviamente una volta che sia stata sporta. “C’è un senso di fallimento e di tradimento che la donna si cuce addosso nel momento in cui denuncia il proprio marito o compagno. Talvolta le donne non denunciano perché vogliono proteggere i propri figli ma che adulto sarà un bambino cresciuto in un clima di violenza?” racconta Antonella Monica Agrosì, Presidente dell’OdV “La girandola”.

 

In vista dell’odierna giornata contro la violenza sulle donne, l’associazione ha realizzato una mostra fotografica, visitabile presso il Conservatorio Sant’Anna fino al 28 novembre, che ha per oggetto volti di uomini e donne che ci han messo letteralmente la faccia nel definire cosa sia per loro la violenza. La mostra è nata dalla collaborazione con Daria Vernaleone, Pablo Peron e Manuel Lopez e a sostegno dell’iniziativa si sono schierate anche l’assessore Silvia Miglietta e l’onorevole Veronica Giannone.

 

Per tutta la durata della mostra, l’associazione ha calendarizzato una serie di appuntamenti con psicologi, esperti del settore e testimonianze di donne che han vissuto episodi di violenza per poter comprendere meglio un fenomeno che si è acuito negli ultimi tempi, come riportano i dati del Ministero: nei primi 11 mesi del 2021 gli omicidi di donne sono aumentati dell’8%, uno ogni 72 ore (per approfondimenti: https://www.interno.gov.it/it/notizie/violenza-genere-analisi-fenomeno-due-anni-dal-codice-rosso).

 

Di seguito riportiamo la locandina della mostra:

 

Category: Costume e società, Cronaca, Eventi

Lascia un commento