PER FORTUNA RITORNA A LECCE LA FIERA DI SANT’ORONZO, PURTROPPO PERO’ PURE LA FIERA DEL BESTIAME A FRIGOLE

| 18 Luglio 2022 | 2 Comments

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Il presidente del Movimento nuovo Bronek Pankiewicz ci manda il seguente comunicato ______

“Dopo due anni di stop a causa della pandemia, ci saremmo aspettati che, con molto anticipo rispetto alla data dei festeggiamenti, il  programma completo sarebbe stato comunicato ai cittadini, inviato alle agenzie di viaggi, sui siti turistici, presso alberghi, villaggi e strutture turistiche facendo di una “Festa Noscia” ripensata e valorizzata un ulteriore elemento di attrazione turistica per fare le vacanze a Lecce, o comunque nel nostro territorio per poi fare una gita per le feste dei Santi patroni e per visitare la città, magari spesso innamorandosene e programmando un ritorno per meglio visitare le bellezze artistiche.

Invece a un mese dalla festa tutto tace, come al solito, a Palazzo Carafa, a differenza di ciò che avviene in numerosi comuni pugliesi, nei quail le Feste Patronali sono valorizzate per una sempre maggiore attrazione dei turisti.

Il leccese, il salentino partecipando alla “Festa Noscia” si sente parte integrante dell’insieme sociale al quale appartiene. Il leccese verace pretende,  giustamente, suono di bande e di campane, luminarie,  luna park ed anche le bancarelle nel centro della città.

Occorre tener presente che, in questi due anni di pandemia e di assenza della festa i nostri operatori turistici e commerciali hanno subito un grave danno economico

Altresì, la fiera dovrebbe essere qualificata e caratterizzata con mercatini di prodotti tipici locali, sia di carattere enogastronomico che agroalimentare e artigianale, rendendola così originale e attrattiva. Occorre, in particolare, alimentare una vera e propria cultura enogastronomica e agroalimentare da promuovere in campo nazionale e internazionale “.

Facciamo delle nostre Feste Patronali una grande risorsa. ______ 

(Rdl) _____ Siamo andati a curiosare, sia pur virtualmente, in Comune e abbiamo scoperto che almeno Fiera e Giostre ci saranno.

Purtroppo, ci sarà pure la Fiera del Bestiame a Frigole, venerdì 26 dalle 6.00 alle 14.00, riproposta nonostante la valanga di critiche espresse da numerosi cittadini e alcune associazioni, che evidentemente non sono servite a nulla, dal momento che anche quest’anno le povere bestie saranno di nuovo tenute in gabbia a soffrire sotto il sole cocente.

Le decisioni adottate finora della Giunta del Comune di Lecce riguardo della ‘Festa Noscia’ 2022 sono contenute nella delibera di venerdì 15 luglio scorso, consultabile in maniera integrale a questo link

https://lecce.trasparenza-valutazione-merito.it/web/trasparenza/papca-ap?p_p_id=jcitygovalbopubblicazioni_WAR_jcitygovalbiportlet&p_p_lifecycle=2&p_p_state=pop_up&p_p_mode=view&p_p_resource_id=downloadAllegato&p_p_cacheability=cacheLevelPage&_jcitygovalbopubblicazioni_WAR_jcitygovalbiportlet_downloadSigned=false&_jcitygovalbopubblicazioni_WAR_jcitygovalbiportlet_id=4785745&_jcitygovalbopubblicazioni_WAR_jcitygovalbiportlet_action=mostraDettaglio&_jcitygovalbopubblicazioni_WAR_jcitygovalbiportlet_fromAction=recuperaDettaglio

______

LA RICERCA nel nostro articolo del 25 luglio 2019

RITORNA – PURE PEGGIORATA, ORARIO CONTINUATO DALLE 6 ALLE 14 – LA FIERA DEL BESTIAME, QUESTA BARBARICA MANIFESTAZIONE DI ATAVICO MEDIOEVO CHE IL SINDACO CARLO SALVEMINI SI OSTINA A MANTENERE E PROTEGGERE

Category: Costume e società, Cronaca, Eventi

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Uccio Tricase ha detto:

    Per il prossimo anno le galline invece che in gabbia le portiamo al guinzaglio così facciamo felici quegli animalisti da salotto che gli animali li frequentano solo nei cartoni animati.

  2. Arcivescovado - tramite mail ha detto:

    Il 15 agosto si darà inizio in cattedrale all’Undena in onore dei santi patroni: messa e predicazione ogni sera alle 19.

    Giovedì 18 agosto, sempre in duomo, alle 20,30, “Le sonorità ricercate”, concerto per organo e fagotto. Interpreti i maestri Antonio Rizzato (organo) e il direttore del Conservatorio “T. Schipa” di Lecce, Giuseppe Spedicati (fagotto).

    Lunedì 22 agosto alle 20, nel chiostro dell’antico seminario, la presentazione della nuova ristampa anastatica a cura di Mario Cazzato (con aggiornamenti e commento) dell’opera Lecce Sacra di Giulio Cesare Infantino (evento promosso da ArtWork).

    Martedì 23 agosto, sempre nel chiostro del seminario, alle 19,30, l’inaugurazione della mostra fotografica di Bruno Barillari sulle chiese del circuito LeccEcclesiae. La mostra resterà aperta fino al 30 settembre (evento promosso da ArtWork).

    Mercoledì 24 agosto, è il giorno della processione. Al mattino, l’amministrazione comunale presieduta dal sindaco Salvemini, accompagnata dalla banda, farà il tradizionale saluto al vescovo in Piazza Duomo: sarà l’atto che apre ufficialmente i tre giorni di festa. Alle 19 in Piazza Duomo un momento di preghiera comunitaria prima della partenza della processione per le vie del centro di Lecce. La preghiera comunitaria e la processione verranno presiedute dall’arcivescovo Seccia. Al termine, da Piazza Duomo, il consueto messaggio alla città.

    Giovedì 25 agosto, vigilia della solennità, al mattino alle 10, l’arcivescovo al termine della solenne celebrazione eucaristica procederà alla chiusura della Porta Santa del santuario di Sant’Oronzo fuori le mura. La sera, alle 19, presiederà, invece, la messa della vigilia in cattedrale durante la quale i sindaci dei comuni della Vicaria di Vernole offriranno l’olio che alimenta la lampada votiva dell’altare di Sant’Oronzo. La sera alle 20,30, nel chiostro del seminario, il reading teatrale scritto da Maria Francesca Mariano dal titolo Laudato si’, Il creato parla e il potere si racconta.

    Venerdì 26 agosto è il giorno della festa patronale. Per tutta la giornata, su iniziativa di Poste Italiane, sarà possibile effettuare l’annullo filatelico in occasione della chiusura del Giubileo Oronziano. La sera alle 19, in Piazza Duomo, il solenne pontificale presieduto dall’arcivescovo di Zara, città dove è venerata la reliquia di Sant’Oronzo, mons. Zelimir Puljic. Al termine, la chiusura della Porta Santa della cattedrale.

    Sabato 27 agosto alle 19, in duomo, la messa di ringraziamento.

    Infine, ormai fuori dalla festa patronale, a conclusione del Giubileo Oronziano e alla vigilia del XXV di episcopato dell’arcivescovo Michele Seccia, il 7 settembre, in cattedrale, alle 20,30 il concerto dell’Orchestra barocca Santa Teresa dei Maschi e dell’Ensemble vocale Florilegium vocis. Dirigerà il maestro Sabino Manzo.

Lascia un commento