DRAGHI, UN GOVERNO A TUTTO GAS

| 21 Luglio 2022 | 0 Comments

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Angelo Gagliani, per conto della Campagna Nazionale Per il Clima Fuori dal Fossile, ci manda il seguente comunicato ______ 

Draghi: a tutto gas fino alla fine

Le “finte” o “programmate” dimissioni di Mario Draghi.

Il 67esimo governo italiano, quello dei Migliori, insediatosi a febbraio 2021 in piena pandemia covid, aveva addirittura istituito il Ministero della Transizione Ecologica, che ha assunto le funzioni del vecchio Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare, a cui sono state aggiunte le competenze in materia energetica dal Ministero dello sviluppo economico.

E’ stato un po’ come affidare la gestione dell’AVIS a Dracula: dare le competenze sull’energia al dicastero per l’ambiente col ministro Cingolani è stato il capolavoro greenwashing del Governo.

Tra le prime mosse il Presidente ha prolungato di 4 anni le autorizzazioni del megagasdotto Poseidon in arrivo da Israele ed Egitto, congelato dal precedente Governo Conte dopo la figuraccia fatta con TAP.

La Campagna Per il Clima Fuori dal Fossile aveva poi intrapreso subito azioni contro il DL Semplificazioni sulle Valutazioni d’Impatto Ambientale, e contro il tentativo del MITE di spacciare il metano come soluzione green verso la transizione ecologica con la conversione a gas delle centrali a carbone ENEL a Civitavecchia, La Spezia, Fusina e Brindisi. Meno male che la Commissione Europea almeno sul gas era stata chiara: niente soldi PnRR per il gas, fonte fossile climalterante: erano state progettate oltre 40 centrali a gas nuove coi fondi del capacity market…

E il sodalizio Governo, Cingolani ed ENI ci riprova poi con gli stoccaggi di CO2, i CCS, anche questi progetti poi naufragati, perché non finanziabili pubblicamente, come denunciato dalle nostre associazioni ambientaliste.

Subito un altro tentativo Governo – ENI: l’approvazione del PiTESAI (Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee): “una finta razionalizzazione” e “colpevole ritardo” che in pratica mantiene tutte le autorizzazioni attive di trivellazioni e sblocca quelle in moratoria, aggiungendo addirittura nuove concessioni e prorogando quelle in essere, contro il parere della maggior parte delle regioni e dei movimenti ambientalisti.

E poi il G20 e la preCOP26 sul clima, organizzati in Italia: fatti fallire proprio dalla posizione conservatrice del nostro Governo Draghi, riassunto dal “Blah Blah Blah” di Greta.

Poi il colpo finale col DEF (Documento Economia e Finanze), la vecchia legge finanziaria: si toglie il 20% alla scuola (dal 4.2% del PIL al 3.5% del PIL, siamo ultimi in Europa ormai per gli investimenti nella istruzione) e si aumenta fino al 2% del PIL la spesa militare e in armi.

E il sodalizio Governo – ENI ha poi trovato il coupe de maitre definitivo: un piccolo comma di un regolamento Arera, l’Autorità che dovrebbe vigilare sui prezzi dell’energia a difesa dei consumatori, permetteva l’aggancio del prezzo del gas da far pagare in bolletta al prezzo speculativo di mercato TTF di Amsterdam e non più al prezzo dei contratti ventennali di acquisto del gas: il prezzo del gas sale del 700% in pochi mesi, già prima dell’invasione in Ucraina, e di conseguenza le bollette gas e luce in Italia. E chi ci guadagna? ENI, che nel solo primo trimestre 2022 fa extraprofitti del 3480% (un aumento del 5 – 10% dei profitti annui è considerato un successo in economia).

E su pressione dei movimenti ambientalisti, Draghi promette di tassare tali extraprofitti del 10%, poi su ulteriori nostre pressioni, del 25%. Ma per magia la presunta tassazione scompare dal DL Bollette di due settimane fa, per non scoraggiare le compagnie nell’acquisto supplementare di gas destinato agli stoccaggi per l’inverno, mentre resta la tassazione degli extraprofitti delle aziende di rinnovabili. Anzi, il GSE (Gestore dei Servizi Energetici) contribuirà con 4 miliardi (che pagheremo sempre noi in bolletta) a incentivare l’acquisto di gas per gli stoccaggi. Un capolavoro per ENI e SNAM.

Intanto scoppia la guerra in Ucraina e iniziano le sanzioni alla Russia, che finisce per tagliarci il gas. La ricetta di Draghi? Riattivare a pieno regime le centrali a carbone, come quella di Brindisi, più trivelle a mare, aumentare l’import dei gasdotti esistenti e la grande novità dell’anno 2022: navi rigassificatrici e tanto GNL.

Così lo stesso Draghi e Di Maio, insieme all’immancabile Descalzi di ENI, partono verso paesi di dubbia democrazia, come l’Egitto, il Congo, l’Angola, la Turchia per affrancarsi dal gas dell’ormai cattivo Putin. Persino il povero Mattarella viene coinvolto in questo accaparrarsi di GNL da paesi dittatoriali, diventati improvvisamente amici.

E, nell’emergenza energetica, vengono approvati i gasdotti Sulmona Foligno, Poseidon, il futuro raddoppio di TAP, impianti a biogas, inceneritori, insomma, a tutto gas. E Draghi ora minaccia le dimissioni durante l’approvazione del megainceneritore di Roma, progetto oggi ambientalmente insostenibile.

E proprio in questi giorni il dimissionario Presidente, in un ultimo sforzo di asservimento a ENI, è ancora in Algeria per avere qualche miliardo di metri cubi in più di gas.

Draghi doveva affrontare la pandemia da covid, l’emergenza climatica con gli obiettivi della riduzione del 55% delle emissioni entro il 2030, la guerra e la conseguente crisi energetica, fallendo su ogni fronte. Il Governo del Migliore ha istituito il nuovo Ministero della Transizione Ecologica, ma ha solo puntato sul gas metano, peggiorando la situazione dell’Italia, mentre si vedono gli effetti dei cambiamenti climatici, dalla strage della Marmolada alla secca del Po. Dal Migliore ci saremmo aspettati politiche più coraggiose, invece che finanziamenti a pioggia e sempre a vantaggio delle compagnie fossili e a danno di chi paga le bollette..

L’inflazione è arrivata oltre l’8 %, con un aumento generalizzato dei prezzi e del carovita, le bollette sono alle stelle senza un tetto al prezzo del gas nazionale come hanno fatto in Francia: in Italia Draghi ha glissato, chiedendo un tetto alla UE, sapendo che non sarebbe stato ascoltato e le compagnie oil&gas brindavano. Le famiglie italiane sono diventate sempre più povere mentre le aziende energetiche, quelle delle armi e farmaceutiche hanno fatto extra profitti stellari non tassati.

E i 200 miliardi del PnRR? Ha deciso tutto il suo Governo: solo in pochi ambiti le amministrazioni locali più preparate hanno potuto indicare degli investimenti: di molti obiettivi non si sa chi ha deciso i finanziamenti miliardari. Ricordiamo che i due terzi del PnRR sono debiti che pagheranno i nostri figli.

Un esempio su tutti: RFI (Ferrovie dello Stato) ha proposto la nuova linea ferroviaria Stazione di Brindisi – Aeroporto di Brindisi per 9 KM al costo di 112 milioni di euro: attraverserà il parco naturale del Cillarese, viadotti, una nuova stazione all’aeroporto… Peccato che il collegamento ora è già assicurato da un bus elettrico al costo di 1 euro di biglietto con frequenza ogni 30 minuti e che si collega anche al terminal traghetti di Costa Morena. Un’altra opera inutile, costosa e dannosa. Con 112 milioni si potevano mettere a norma oltre 50 scuole della provincia …

Draghi ha indebitato gli italiani con opere inutili, ha peggiorato la politica italiana in termini di emergenza climatica malgrado l’impegno della riduzione delle emissioni del 55% entro il 2030, nessuna politica sociale e per la scuola, anzi, ha ridotto i fondi e ha dato tanti, ma tanti aiuti alle imprese fossili e belliche, che noi, e soprattutto i nostri figli, dovremo ripagare nei prossimi decenni.

Non lo rimpiangeremo Draghi. Ma non è che l’Italia, per queste sue politiche, sarà la prossima nazione che andrà in default, e ci sarà sempre lo stesso Draghi nella Trojka, come in Grecia, a condannarci a restituire tutto il debito con enormi sacrifici, debito proprio da lui assunto?

Di tutto questo si parlerà questa estate dal 30/7 all’ 8/8 nel Climate Camp di Ostuni a cui vi invitiamo a partecipare direttamente, e per chi non può di attivarsi da remoto per apportare tutti i contributi possibili ai confronti previsti ogni serata, a partire da quelli su clima-energia-ambiente, crisi e risposta politica, guerra in Ucraina e “il placet ad Erdogan di liquidare il Rojava”.

Campagna Per il Clima Fuori dal Fossile

Category: Costume e società

Lascia un commento