MODA / MODE – DA UN BINARIO ALL’ALTRO

| 19 Novembre 2022 | 2 Comments

di Elena Vada  ______

Agender, cisgender, genderless, bigender, no-binary, fluid, queer, poligenere, pangender, trasgender, genderfree, neutri, eccetera… Queste sono alcune delle denominazioni che identificano le persone che non si riconoscono nel genere “binario maschile/femminile” ma sono oscillanti tra l’uno e l’altro.

L’ultima  che ho sentito, a proposito di identità  sessuale, è  il “femboy”, ovvero una persona, (nel caso che sto citando, un adolescente), che si sente maschio o femmina, secondo come si sveglia.

La polemica nasce dal fatto che, il su citato ragazzo, si reca a scuola a volte vestito da donna, a volte da uomo, ed è stato redarguito dalla propria preside, alla quale do ragione.

A scuola non si fa spettacolo e, quello del giovane studente in questione è, a mio avviso, solo spettacolo, esibizionismo gratuito senza senso, che dovrebbe rimanere su Tik-tok.

Parlo spesso di moda che sfila su passerelle internazionali e sono ben conscia di come sia meraviglioso poter indossare, con disinvoltura: gonna, pantalone, tacchi, collane, borsette, senza essere, specificatamente, uomo o donna. 

Non sono una moralista. Tutt’altro. Ma credo che, per il momento, ci siano ancora dei limiti.

Forse, è sottolineo “forse”, sbagliati, perché  intesi come chiusure, barriere, paraocchi… ma ci sono… e, in virtù  del fatto che tutte e dico TUTTE le persone, vanno considerate per le proprie idee, convinzioni, opinioni, i su citati femboys, dovrebbero vestirsi in modo consono ed appropriato a circostanze e luoghi che frequentano, come la scuola.

Questo, nel mio modo di vedere, si chiama RISPETTO di ogni altrui libero pensiero, qualsiasi esso sia,  pure se  bigotto, retrogrado e conservatore.

Devo aggiungere che sono un po’ stanca di dovermi giustificare o addirittura scusare se, a volte, uso l’aggettivo “normale”, perché ormai il concetto sociale e filosofico di tale vocabolo, non esiste più o è negativamente interpretato, come discriminatorio.

Cancelliamo il termine dal dizionario?!

Ma vi pare normale?!?!?

Category: Costume e società

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giusy ha detto:

    Sono d’accordo. Brava!!!

  2. Marco ha detto:

    Ok, ma scrivi di più per favore

Lascia un commento