MARGHERITA CIERVO PROTAGONISTA DI UN INCONTRO A CASTELLANA GROTTE SULLA XYLELLA

| 27 Novembre 2022 | 0 Comments

(Rdl)  ______  La geografia della Puglia rischia di essere stravolta per sempre dalle misure imposte dalle istituzione per combattere il batterio Xylella: abbattimenti; uso di ingenti quantità di fitofarmaci su larga scala e divieto di reimpianto delle piante ospiti – associate alla deroga concessa per il reimpianto di sole due cultivar di olivo che ben si prestano agli impianti superintensivi, ovvero il Leccino (non autoctono e autosterile) e la Favolosa (brevettata).
Il combinato disposto delle misure di lotta e delle “soluzioni” sta producendo effetti devastanti e irreversibili sul paesaggio e sull’ambiente, sul clima e sull’economia locale, in termini di agricoltura e di turismo, nonché danni importanti alla salute dei cittadini.
Tutto ciò avviene grazie a una sostanziale – e ormai evidente – divergenza fra i fatti e la rappresentazione degli stessi, aspetto che apre a numerose domande.

Di tutto questo si parlerà venerdì 2 dicembre, alle ore 18.00, a Castellana Grotte, presso Maiakera, in via della Resistenza 123, con Margherita Ciervo (nella foto), professore associato e ricercatore in Geografica economica e politica dell’Università di Foggia, e autrice del libro “Il disseccamento degli olivi in Puglia. Evidenze, contraddizioni, anomalie, scenari. Un punto di vista geografico”.

Category: Costume e società, Cultura, Eventi, Libri, Politica

Lascia un commento