MAGDI’ CRISTIANO ALLAM SFIDA GIAMPIERO PALADINI IL LECCESE CONVERTITO ALL’ISLAM

| 20 Aprile 2015 | 0 Comments

L’avvocato Riccardo Rodelli ci scrive una nota di precisazione in merito al Convengo Lecce Capitale di Quale Cultura?
Un incontro durante il quale  si sarebbero dovuti confrontare Magdì Cristiano Allam un giornalista egiziano naturalizzato italiano, un mussulmano moderato, e Giampiero Kaled Paldini convertito all’Islam due anni fa e promotore della prima università islamica, che si dovrebbe costruire nella città di Lecce, e che con una scusa si è sottratto al confronto._________

MAGDI’ CRISTIANO ALLAM: “Disposto a tornare a Lecce anche domani per confrontarmi con Paladini. Spero non si sottragga di nuovo”.

Con riferimento alle dichiarazioni del sig. Paladini a seguito del convegno organizzato all’Hotel Tiziano il 18 aprile 2015 dal titolo: Lecce Capitale di Quale cultura? Dalla Presa di Otranto all’Università islamica, preciso che:

in data 7 aprile 2015 ho preso parte alla trasmissione negli studi di Telerama denominata “Controvento”. In quella sede eravamo presenti sia io che il sig. Paladini (oltre ad altri illustri ospiti), e non solo presentavo il convegno indicandone luogo, data  e ospiti, ma lo stesso Paladini ebbe modo di parlare con una delle due relatrici. (Solo due giorni prima del convegno ho saputo che quel parter di relatori non sarebbe potuto venire e quindi contattavo il Magdì Allam Cristiano).

in data 8 aprile 2015 il sig. Paladini mi ha chiesto per sms di assistere al convegno, atteso che si sarebbe parlato dell’università islamica. Ho risposto che non solo avrebbe potuto assistere ma anche che sarebbe potuto intervenire e per la disponibilità manifestata mi ha ringraziato.

In data 17 aprile il sig. Paladini è stato contattato dal moderatore dell’incontro a cui ha confermato la presenza per il giorno successivo.

Sabato 18 aprile il sig. Paladini ha chiamato il moderatore dell’incontro affermando che non avrebbe potuto prendere parte perché impegnato altrove. Informato di questo ho provato a chiamare il sig. Paladini per ben tre volte, senza avere né risposta né essere richiamato.

Solo oggi il sig. Paladini ha provato a mettersi in contatto con me. Rimango perciò basito dal contenuto delle dichiarazioni rese  dallo  stesso in relazione a quanto appena precisato. Non sono uomo che si sottrae ai propri impegni, pertanto ho contattato oggi stesso Magdì Allam Cristiano e abbiamo concordato insieme che è disposto a ritornare a Lecce per incontrare pubblicamente il sig. Paladini. Si può quindi bene comprendere che al più al sig. Paladini è stata offerta, dal sottoscritto, una opportunità che non ha colto. A questo punto se il sig. Paladini è d’accordo ad incontrare il Magdì Cristiano Allam, non deve fare altro che contattarmi e assieme decideremo la data.

Avv. Riccardo Rodelli

Category: Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Lascia un commento