O KLAMA DI CALIMERA PER LA MORTE DI FRANCO CORLIANO’, STUDIOSO E POETA DEL GRIKO / IL VOCABOLARIO LA SUA OPERA PIU’ IMPORTANTE, UNA CANZONE PICCOLA TRAGEDIA QUELLA PIU’ FAMOSA

| 26 giugno 2015 | 0 Comments

(Rdl)______E’ morto oggi a Calimera, dopo breve malattia, Franco Corlianò. Aveva 67 anni. Di lavoro, macchinista ferroviere, in arte poeta e pittore salentino di lingua “griko”. Esperto traduttore, a lui si deve il vocabolario specifico, testimonianza fondamentale. Fu attivo anche nella raccolta di materiale linguistico della tradizione popolare come canti, proverbi e racconti.

L’ amministrazione comunale ha proclamato il lutto cittadino.

I funerali avranno luogo sabato alle 16.30 alla Chiesa Madre______

 

Ecco il suo testo più famoso. (nella foto, il relativo dipinto che egli stesso ne ricavò). Si chiama “O klama i jineka u emigrantu”, ovvero “Il pianto della moglie dell’emigrante”; ma, comunemente, il titolo è abbreviato in “Klama” e tutti la conoscono come “Andramu pai”, cioè “Mio marito se ne va”.

La canta la moglie di un emigrante (Partono gli emigranti, partono per l’Europa; Mio padre aveva un treno, e terra dove andare…).

Un “traùdi” (greco standard: τραγούδι, canzone, dall’antico τραγῳδίον; in greco una “canzone” è una “piccola tragedia” in sé, piccola non come aspetto, ma come dimensioni metriche) che ebbe un grande successo non solo nel Salento, ma persino in Grecia stessa. La riprese e la cantò una delle più grandi cantanti di quel paese, Maria Farandouri.

Telo na mbriakeftò.. na mi’ ppensefso,

na klafso ce na jelaso telo artevrài;

ma mali rràggia evò e’ nna kantaliso,

sto fengo e’ nna fonaso: o andramu pai!

Fsunnìsete, fsunnìsete, jinèke!

Dellàste ettù na klàfsete ma mena!

Mìnamo manechè-mma, diàike o A’ Vrizie

Ce e antròpi ste’ mas pane ess’ena ss’ena!

E antròpi ste’ mas pane, ste’ ttaràssune!

N’arti kalì ‘us torùme ettù s’ena chrono!

è’ tui e zoì-mma? è’ tui e zoì, Kristè-mu?

Mas pa’ ‘cì sti Germania klèonta ma pono!

Mara ‘s emena, ttechùddhia itta pedàcia

Torù to tata mia forà to chrono:

– Tata, jatì ste’ klei? Ene o A’ Vrizio!

Kuse ti banda, kuse ti òrrio sono!

-Ste kuo ti banda ce ste kuo itto sono,

steo ettù ma ‘sà ce ste penseo sto treno,

penseo sto skotinò citti miniera

pu polemònta ecì peseni o jeno!

-Tata, jatì e’ nna pai? Pemma, jatì

-Jatì tui ene e zoì, mara pedìa:

O ttechùddhi polemà ce tronni

na lipariasi ‘us patrunu m’utti fatìa!

Mara ‘semà, dellaste ettù pedìa,

dellaste, ngotanizzome ttumèsa;

o tata pirte ce ‘mì prakalume

na ftasi lion lustro puru ja ‘mà!

PIANTO

[Mio marito se ne va]

Voglio ubriacarmi… per non pensare,

piangere e ridere voglio stasera,

con grande rabbia io devo cantare,

alla luna devo gridare: mio marito se ne va!

Svegliatevi, donne, svegliatevi!

Venite a piangere con me!

Siamo rimaste sole, la festa di San Brizio è passata

e gli uomini se ne vanno uno ad uno!

Gli uomini se ne vanno, stanno partendo!

Se andrà bene li rivedremo fra un anno!

è questa la vita nostra? Questa è vita, mio Dio?

Vanno in Germania piangendo con dolore!

Povera me, poveri quei bambini!

Vedono il loro papà una volta all’anno:

– Perché piangi papà? E’ San Brizio!

Senti la banda, senti che bel suono!

– Sento la banda e sento questa musica,

sto qui con voi ma penso al treno,

penso al buio di quella miniera,

là dove la gente muore al lavoro.

– Papà, perché devi andare? Dimmi, perché?

– Perché questa è la vita, poveri ragazzi:

il poverello lavora e suda

per ingrassare i padroni con il suo lavoro!

– Poveri noi, venite qui bambini,

venite, inginocchiamoci a terra;

il papà è andato via e noi preghiamo

che arrivi un po’ di luce anche per noi!

 

Category: Cultura

Lascia un commento