I COMUNISTI DELLA CGIL DANNO DEL RAZZISTA AD ANTONIO DECARO SINDACO DI SINISTRA E PUPILLO DEL PRESIDENTE EMILIANO

| 30 agosto 2015 | 0 Comments

“In una terra come quella pugliese, martoriata da fenomeni di caporalato, sottosalario, lavoro nero fino a giungere a forme di vero schiavismo, come le cronache di questi giorni hanno dimostrato, a Bari istituzionalizziamo il lavoro ‘a gratis’. Siamo al razzismo istituzionale!”. Così il segretario della Cgil Bari, Pino Gesmundo, critica la proposta del sindaco di Bari, Antonio Decaro (Pd), di impiegare migranti del Cara in lavori di manutenzione del verde pubblico e di pulizia delle piazze.
E’ guerra all’interno della sinistra, il sindacato contro il partito, la scusa, una banale proposta del sindaco  eletto nelle liste del partito di Renzi.

Deparo sindaco di sinistra, eletto in quello che una volta era il partito Comunista, oggi viene definito RAZZISTA dal segretario di quello che una volta era il sindacato comunista al servizio del PCI.

Eppure il povero sindaco sperava con la sua proposta di portare acqua al mulino della sinistra, infatti impiegando gli immigrati per la manutenzione del verde e la pulizia delle piazze, sarebbe potuto andare in televisione e raccontare quanto erano bravi a Bari dove utilizzavano gli immigrati invece di lasciarli a poltrire, visto che li mantengono gli italiani, e nello stesso tempo raccontare la solita storiella che gli immigrati sono una risorsa.

Immaginiamo che il sindaco di Bari prima di lanciare la proposta si sia consultato, con l’Arci e con tutte quelle associazioni, che si occupano di immigrati ed in cambio ricevono somme importanti da parte dello stato.
Purtroppo non avevano tenuto conto del sindacato, il quale i soldi li prende solo se il lavoratore immigrato o italiano,  prende la busta paga e quindi a sua volta paga la quota al sindacato, tesseramento, ecc.
E come diceva Totò, anche se si tratta di Bari e non di Napoli, Pino Gesmundo l’ha fatto capire chiaramente: “ca nisciunu e fesso”.
Oltretutto questo periodo Renzi qualche ceffone al sindacato lo ha dato, ed allora esce fuori il tipico armamentario comunista, l’offesa all’avversario………Decaro sei un sindaco razzista e di sinistra…impacchetta e porta a casa.
E proprio il caso di dirlo chi di razzismo ferisce di razzismo perisce, l’uomo che Emiliano ha voluto a sindaco di Bari, che tante volte ha lanciato l’accusa di razzista agli avversari, oggi viene indicato pubblicamente come il ” primo” razzista essendo il primo cittadino di Bari.

E’ proprio vero che i tempi sono cambiati, anche all’interno della sinistra comunista, solo i vizi permangono.

Naturalmente non mettiamo becco in questa vicenda ci manca solo che ci becchiamo pure noi qualche epiteto colorato…colorito…? insomma di colore..

Category: Politica

Lascia un commento