IL GOVERNO ANCORA IN AIUTO DEL MOSTRO

| 30 ottobre 2015 | 0 Comments

(Rdl)______Dopo i tanti decreti “salva Ilva”, ecco un altro provvedimento del governo a favore del mostro.

Uno dei decreti della delega fiscale del primo ottobre, infatti, ha stabilito che non possono essere sovrapposti i casi di evasione fiscale, con quelli di abuso del diritto, quest’ ultimo non sanzionabile penalmente.

Si tratta comunque di artifici e manovre per pagare meno tasse: nel caso dei dirigenti Ilva sotto processo a Milano per le loro disinvolte operazioni contabili,  ha prevalso l’ interpretazione che si tratti appunto di abuso del diritto.

Ma cos’è l’abuso del diritto? In pratica esso si configura quando un’impresa, tendenzialmente una grande multinazionale, mette in atto azioni che, pur rispettando formalmente le norme fiscali, realizzano un vantaggio fiscale indebito. Vantaggio che rappresenta il fine essenziale di quelle stesse operazioni, a loro volta prive, dunque, di significato economico-imprenditoriale.

Nel caso dell’ Ilva, è accaduto che 52 milioni di evasione siano stati derubricati e collocati nella sfera dell’abuso di diritto.

Dopo i miliardi regalati alle banche (caso MPS, dl Imu-Bankitalia); quelli regalati ai partiti, con vari provvedimenti; l’ok alle multinazionali del petrolio per trivellare( decreto Sblocca Italia); la distruzione dei diritti dei lavoratori dettata da Confindustria (Jobs act); il salvacondotto per chi ha fatto sparire i capitali all’estero (voluntary disclosure), ecco un altro provvedimento regalato ai comitati d’ affari, alle lobbies, e agli speculatori.

 

 

Category: Cronaca

Lascia un commento