A CASERTA DIVIETO DI ACCESSO PER I TIFOSI DEL LECCE. MA LA SOCIETA’ SALENTINA NON CI STA

| 29 Gennaio 2016 | 0 Comments

(l.r.)______

Dopo la dura e ferma decisione da parte del Prefetto di Caserta che ha disposto, per la gara Casertana – Lecce di sabato prossimo,  il divieto di vendita dei tagliandi ai residenti nella Regione Puglia con contestuale sospensione dei programmi di fidelizzazione dell’US Lecce (Tessera del Tifoso) sulla base delle valutazioni operate dal Comitato di Analisi per la Sicurezza delle manifestazioni Sportive (CASMS), a seguito delle criticità poste in essere dalla tifoseria leccese in occasione della gara Fidelis Andria – Lecce, la società salentina ha voluto esprimere il proprio dissenso sottolineando come sia sia voluto fare “di tutta l’erba un fascio“, colpendo i tifosi incolpevoli.

Ecco il comunicato integrale:

“L’U.S. Lecce, vedendosi costretta a subire la decisione del Prefetto di Caserta di vietare la trasferta ai sostenitori giallorossi, non esistendo strumenti giuridici idonei a riformare la stessa in tempi utili, esprime il proprio rammarico per tale disposizione che penalizza, senza fare distinzioni, un’intera tifoseria.

Ancora una volta l’US Lecce e i tifosi salentini aderenti al programma Tessera del Tifoso non possono esercitare e godere delle legittime facoltà, prerogative e diritti riconosciuti dal programma stesso. L’ordinanza adottata dal Prefetto di Caserta si traduce in una misura puramente interdittiva e come tale eccessivamente afflittiva delle aspettative degli sportivi salentini.

Non è dato, inoltre, sapere le ragioni per le quali in luogo delle valutazioni discrezionali operate dal CASMS non è stata valutata l’adozione delle misure organizzative che, in sede di GOS, avrebbero potuto comportare l’attuazione di diverse soluzioni anche di minor rigore, considerato anche il fatto che l’U.S. Lecce  in altre occasioni, pur di evitare provvedimenti così drastici, ha proposto l’impiego dei propri steward in trasferta, sopportandone i relativi costi.

Preme rilevare che da quando è stato introdotto il programma Tessera del Tifoso i sostenitori giallorossi fidelizzati non si sono mai resi protagonisti di violazioni alle vigenti normative, adottando sempre un comportamento corretto.

Si tratta di una ennesima vicenda che danneggia, in occasione di una partita fondamentale, la tifoseria, la squadra e la società e che si aggiunge all’ulteriore danno  di aver perso nelle gare disputate fuori casa, fin dall’introduzione del programma Tessera del Tifoso, il fondamentale apporto anche della tifoseria non tesserata”. 

Category: Sport

Lascia un commento