DIARIO DEL GIORNO PRIMA / IL TAM TAM DI ANNIBALE

| 5 Febbraio 2016 | 0 Comments

ITALIA______

La prima volta, avevano fatto una specie di esame da rapinatore, poi erano andati a festeggiare in pizzeria, guidati dal più ‘anziano’, l’ unico maggiorenne, poi arrestato per altri motivi. Da lì, i quattro avevano iniziato la ‘carriera’, mettendo a segno almeno una decina di colpi. Ma sono stati presi.

I carabinieri della compagnia di Castello di Cisterna hanno messo fine all’esistenza del gruppo criminale composto dai minori che negli ultimi mesi si erano resi responsabili della serie di rapine ai danni di supermercati, farmacie e distributori di carburante nell’area del vesuviano. Le investigazioni hanno inoltre messo in evidenza il “metodo educativo” delle reclute e scoperto dei luoghi di riunione della gang dove venivano pianificati i colpi, i nascondigli per auto e motocicli impiegati per le rapine nonché gli abiti e le armi usati per mimetizzare le corporature e per minacciare i titolari delle attività prese di mira.

MONDO______

La vicenda del giovane ricercatore friulano scomparso al Cairo dal 25 gennaio si è conclusa con un “tragico epilogo”. Così la Farnesina ha comunicato il ritrovamento del cadavere di Giulio Regeni al Cairo, dove si trovava per un dottorato di ricerca: è stato trovato in un fossato, alla periferia della capitale, nudo, con segni diffusi di ferite.

Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha espresso il profondo cordoglio personale e del governo ai familiari del giovane, che si trovano al Cairo. Nella capitale egiziana anche il ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi, che ha sospeso la sua visita in città.

Il governo italiano ha richiesto alle autorità egiziane il massimo impegno per l’accertamento della verità e dello svolgimento dei fatti, anche con l’avvio immediato di un’indagine congiunta con la partecipazione di esperti italiani. Per ora rimangono del tutto oscure sia le cause, sia le modalità stesse della morte del giovane.

Category: Costume e società, Cronaca, Politica

Lascia un commento