SFASCIA LA CASA ALL’ AMANTE CHE NON VUOLE LASCIARE MARITO E FIGLI PER ANDARE A VIVERE CON LUI, ARRESTATO QUARANTENNE DI NARDO’

| 4 marzo 2016 | 0 Comments

(g.p.)______(abbiamo scelto di non pubblicare le generalità dell’ arrestato, né la sua foto, e di omettere ogni altro riferimento personale, a tutela non solo della vittima, ma soprattutto degli altri componenti della famiglia coinvolti loro malgrado)______

Come temeva che sarebbe successo prima o poi quello della famosa canzone, ha fatto lo sbaglio, di fare il pazzo e venir sotto casa. Ma lui non ha tirato solo sassi alla finestra e calci alla porta, no. Le ha demolito proprio mezza abitazione, e sfasciato tutto quello che ha trovato sottomano.

Un uomo  di Nardò, di quaranta anni, è stato arrestato ieri sera dai carabinieri, in flagranza di reato, per violazione di domicilio, violenza privata, minacce, ingiurie e danneggiamenti.

Ecco che cosa è successo, nella ricostruzione dei militari dell’ Arma.

Una donna ha chiamato il 112 in lacrime perché, a suo dire, un “pazzo” gli era entrato in casa e “stava distruggendo tutto”, oltre a minacciare il marito ed anche i loro figli.

Quando sono arrivati, nel più breve tempo possibile, in effetti i carabinieri hanno trovato il Miccoli ancora intento a “sfasciare” ogni cosa, mentre i proprietari dell’abitazione, impauriti, per proteggere i figli, si erano rifugiati in casa del suocero di lei, distante poche decine di metri.

Bloccato il malvivente, le vittime sono tornate in strada ed hanno raccontato l’accaduto ai militari fornendo loro anche un video in cui avevano ripreso, a distanza, l’ intera successione dei fatti.

Ma a questo punto bisognava capire il perché di tutto questo, dal momento che non risultavano motivi plausibili precedenti, né furti, o richieste di denaro e quant’ altro del genere.

Il tempo di fare qualche indagine, ed ecco che i militari hanno trovato il motivo scatenante di quella che essi stessi han chiamato “l’ ira funesta”, anche se quella del “Pelide Achille” nell’ Iliade aveva ben altre motivazioni; ma l’ espressione rende bene il comportamento dell’ arrestato.

Aveva egli una relazione sentimentale extraconiugale con la donna proprietaria dell’abitazione e pretendeva che questa lasciasse marito e figli per andare a convivere con lui. E ieri sera, dopo un ennesimo rifiuto, si è scatenata la rabbia cieca dell’ amante respinto, che lo ha portato a comportarsi in quel modo.

Espletate le formalità di rito, il giovane è stato accompagnato nella propria abitazione in regime di arresti domiciliari. Sarà processato per direttissima.

 

 

 

 

 

Category: Cronaca

Lascia un commento