CARMELO BENE, IN MEMORIAM

| 16 marzo 2016 | 1 Comment

di Luca Fiocca______

Ricorre oggi l’anniversario, il quattordicesimo, della scomparsa del Maestro Carmelo Bene, avvenuta il 16 Marzo 2002, che ancora oggi a furor di popolo ha lasciato un abisso così profondo, da non essere stato ancora colmato da qualcuno che possa ritenersi anche lontanamente alla sua altezza.

Per questo motivo vorrei avere il privilegio di ricordarlo per mezzo di un breve scritto.

Credo non sia bastato nessun teatro a contenere l’incontenibile Carmelo Bene. E credo non basterà nessun sepolcro, e neppure nessun Museo. Troppo ingombrante il Nostro per cercare di circoscriverlo.

Il mio progetto desidera esaltare l’Uomo, il Genio, il Fanciullo Carmelo, recuperando una ‘felicità bambina’, come lui soleva ripetere. E per riuscire a compiere questa difficile impresa, mi devo affidare anch’io all’istinto ed alla spontaneità tanto evocata da C B.

La nuova sfida che mi appresto a compiere, dopo il fortunato ed apprezzato recupero di Palazzo Rao, sarà quindi dedicata ad un folle, un anticonformista, un ribelle, un piantagrane, a colui che vedeva le cose in modo diverso. Costui non amava le regole, specie i regolamenti e non aveva alcun rispetto per lo status quo. Si poteva essere in disaccordo con lui. Si poteva evocarlo, glorificarlo o denigrarlo. Ma l’unica cosa che non si poteva mai fare era ignorarlo. Perché è riuscito a cambiare le cose, perché ha fatto progredire l’umanità. E mentre qualcuno potrebbe definirlo un folle, noi ne vediamo il genio.

Perché solo coloro che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo, lo cambiano per davvero…

 

 

 

Category: Costume e società

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. De Donno Sonia ha detto:

    Siate folli per essere normali, poiché la vostra normalità vi ha portato alla follia.

Lascia un commento