DA LECCE, A CAMPI SALENTINA, A BOTRUGNO, ALLA RISCOPERTA DI ALCUNE MERAVIGLIE SALENTINE

| 18 marzo 2016 | 0 Comments

(Rdl)______Per le così dette “Giornate Fai di primavera”, sabato e domenica, nel Salento, oltre all’ Abazia di Cerrate, già visitabile tutti i giorni, in particolare, si potrà accedere liberamente all’Ex Convitto Palmieri a Lecce, interamente riportato al suo originale splendore e lustro. Sarà un’occasione per ammirarne la bellezza, in una piacevole passeggiata attraverso cortili e sale, attraversando oltre sei secoli di storia e approfondendo l’importante ruolo di uno dei gioielli più preziosi di Lecce, contenitore di istruzione, che dal 1816 al 1960 ha formato generazioni di giovani leccesi e contribuito alla crescita culturale della maggior parte dei personaggi che hanno fatto la storia della città degli ultimi 200 anni.

Poi, la Chiesa della Madonna dell’Alto a Campi Salentina, immersa nell’inconfondibile paesaggio, in una zona di confine con le campagne di Cellino San Marco e Squinzano e distante dalle principali reti viarie, porterà il visitatore a fare un tuffo in un glorioso passato medievale. Risalente ai secoli XIII e XIV, infatti, costituisce un esempio eccezionale di architettura romanica, nonostante l’evidente abbandono. La chiesa racconta ancora la sua storia di centro religioso dalle evidenti corrispondenze con edifici vicini, come l’Abbazia di Santa Maria di Cerrate. La bellezza architettonica, inoltre, si sposa con quella naturalistica, perché il luogo, caratterizzato da ulivi, muretti a secco e da un fitto bosco di specie vegetali, dà accesso ad uno dei paesaggi più suggestivi del Salento.

Infine, la Chiesa settecentesca di Santa Maria Assunta in Cielo a Botrugno, nata su una fabbrica medievale di rito greco-bizantino dedicata a San Nicola di Mira e ricostruita in forme barocche nel 1726, svelerà, invece, gli affreschi riferibili al XIV secolo, ultima importante scoperta seguita a recenti restauri.

In queste due giornate sono previste partiolari manifestazioni.

L’Abbazia di Santa Maria di Cerrate accoglierà i visitatori con un particolare allestimento e un’interessante iniziativa per celebrare l’arrivo della bella stagione: in programma un mercatino di florovivaismo, a cura di “Oasi Fiorita” di Sonia Petrachi e un’escursione guidata in bicicletta alla scoperta del paesaggio tra il complesso abbaziale e la Chiesa della Madonna dell’Alto, a cura di Salento Bici Tour.

I visitatori di Botrugno, invece, avranno eccezionalmente la possibilità di poter apprezzare gli ultimi restauri del Palazzo Marchesale (già aperto al pubblico nelle GFP del 2007). Tutta la documentazione delle due giornate della Delegazione FAI di Lecce sarà curata dagli studenti del settore grafico e audiovisivo del IISS “A. De Pace” di Lecce.

Infine, i visitatori, anche quest’anno avranno a disposizione guide d’eccezione: nel Salento saranno circa 600 gli Apprendisti Ciceroni, giovani studenti degli Istituti superiori di Lecce e provincia (Licei Scientifici “G. Banzi” e “C. De Giorgi”, Istituto “Marcelline”, Liceo Classico “G. Palmieri” di Lecce; IC di Botrugno, Nociglia, San Cassiano e Supersano; Liceo Classico “F. Capece” di Maglie; IISS “De Marco Valzani”, sede di San Pietro Vernotico), che illustreranno aspetti storici e artistici dei monumenti.

 

Category: Cultura, Eventi

Lascia un commento