DICIOTTO MEDICI INDAGATI PER OMICIDIO COLPOSO

| 26 marzo 2016 | 0 Comments

(e.l.)______Dopo numerosi ricoveri in ben otto mesi di peregrinazioni fra gli ospedali delle province di Brindisi, Lecce e Taranto, lo scorso 19 febbraio una giovane di Villa Castelli, Dora Distante, 27 anni, madre di un bambino di 7, morì senza che nessuno riuscisse a rianimarla.

Secondo il marito, che presentò denuncia, lo stato di incoscienza della donna sarebbe iniziato dopo una iniezione lombare effettuata nel giugno 2015 all’ospedale Perrino di Brindisi dove la moglie doveva sottoporsi ad una rachicentesi.

La salma era da un mese a disposizione della magistratura, che ha sequestrato le cartelle cliniche e ha ricostruito i fatti, aprendo un’ indagine per omicidio colposo, e indagando diciotto medici.

Ieri il pubblico ministero della procura della Repubblica di Brindisi Antonio Costantini ha disposto l’ autopsia, che sarà eseguita il 7 aprile.

Category: Cronaca

Lascia un commento