DIARIO DI EURO 2016 / TERRORE HOOLIGANS PRIMA DI INGHILTERRA – RUSSIA, VITTORIE PER SVIZZERA E GALLES

| 12 Giugno 2016 | 0 Comments

di Francesco Giannetta______

Nella seconda giornata di Euro 2016, la prima con tre partite in programma: Albania – Svizzera, Galles – Slovacchia e Inghilterra – Russia, protagonista non è stato, ahimè, il calcio ma il caos e la violenza ultrà.

A Marsiglia, sede dell’incontro fra Inghilterra e Russia, si sono registrati scontri nella mattinata e nel primo pomeriggio di sabato tra gli Hooligans britannici e la polizia francese.

I tifosi inglesi, radunati nella zona del Vecchio Porto hanno scatenato il caos in città, lanciando bottiglie contro la polizia, che ha poi risposto con cariche e lancio di lacrimogeni verso di loro, oramai fuori controllo.

La decisione di non limitare la vendita di alcolici nelle ora precedenti l’incontro non ha sicuramente aiutato il lavoro delle forze dell’ordine. In particolare, secondo alcune televisioni francesi,  un tifoso inglese coinvolto negli scontri sarebbe ora ricoverato in ospedale in gravi condizioni. L’ira dei tifosi inglesi si è rivolta anche verso due gruppi di una cinquantina di sostenitori russi che si apprestavano a raggiungere lo stadio Velodrome di Marsiglia.

Ma torniamo a parlare di calcio, quello vero. Il primo match in programma alle ore 15 si è disputato tra l’Albania dell’italiano Gianni De Biasi e la Svizzera dell’ex tecnico laziale Vladimir Petkovic. L’Albania, all’esordio in un europeo, ha ben figurato contro la formazione svizzera, possibile rivelazione. Gli svizzeri si sono portati subito in vantaggio grazie alla rete di Schar su assist dell’ex interista Shaqiri, aiutati anche da un uscita non precisa del portiere albanese Berisha, ed hanno mantenuto il controllo della gara per quasi tutti i novanta minuti ma l’Albania si è spesso resa pericolosa in contropiede come al minuto 87 quando Gashi a tu per tu con il portiere svizzero non è riuscito a mettere la palla in rete. Curiosità: l’incontro ha visto avversari i fratelli Xhaka, Granit gioca nella nazionale Svizzera mentre suo fratello Taulant nell’Albania, confusione in tribuna per la madre dei due che per l’occasione ha sfoggiato una t-shirt un po’ svizzera e un po’ albanese. 

Alle ore 18 la prima partita del gruppo B GallesSlovacchia, entrambe esordienti. I gallesi riponevano la loro fiducia nell’attaccante del Real Madrid Gareth Bale, che non ha deluso le attese e al decimo minuto di gioco ha trasformato in gol un calcio di punizione. La Slovacchia ha accusato il colpo ma ha trovato la rete del pareggio nel secondo tempo con Duda un minuto dopo il suo ingresso in campo, avvenuto al sessantesimo. Ma il Galles spinto anche dai suoi tifosi, rumorosissimi sugli spalti, trova a due minuti dallo scadere la rete della vittoria con il bomber del Reading Robson-Kanu.

La partita più attesa della giornata era ovviamente quella delle ore 21 tra Inghilterra e Russia. Fortunatamente,  nonostante le tensioni precedenti la gara, l’incontro si è svolto senza problemi. L’allenatore inglese Roy Hodgson sorprende tutti e lascia in panchina uno dei giocatori più attesi di quest’europeo, l’attaccante del Leicester campione d’Inghilterra Jamie Vardy. In attacco per la nazionale dei Tre Leoni il solo Harry Kane, supportato da Sturridge, Rooney e Lallana. Il primo tempo si è concluso senza particolari emozioni. Il gioco degli inglesi è apparso troppo farraginoso per scardinare l’ordinata difesa russa, unica fino ad ora ad aver attuato la tattica del fuorigioco vecchio stile in questo inizio di europeo. Punto di svolta dell’incontro è stato la punizione assegnata dall’arbitro italiano Nicola Rizzoli alla formazione d’oltre manica, punizione trasformata dal centrocampista inglese Eric Dier con la complicità del portiere russo Akinfeev. Poteva essere la prima vittoria ad una gara d’esordio per gli inglesi. ma in pieno recupero è arrivata la rete del capitano russo Vasili Berezutski che ha portato il risultato sul definitivo 1 a 1.

Domenica 12 inizieranno le partite del gruppo C, alle ore 15 la Turchia affronterà la Croazia al Parco dei Principi di Parigi, alle 18 la Polonia sfiderà l’Irlanda del Nord: entrambi gli incontri saranno visibili solo sulla piattaforma satellitare SKY.

L’incontro di cartello è quello delle ore 21 che vedrà avversarie Germania e Ucraina, in onda su SKY e sulle reti di Rai 1.

 

 

 

 

Category: Costume e società, Eventi, Sport

Lascia un commento