DIARIO DEL GIORNO PRIMA / IL TAM TAM DI ANNIBALE

| 21 giugno 2016 | 0 Comments

ITALIA______

ROMA – “Dobbiamo essere chiari e utilizzare lo stile di chiamare le cose con il loro nome. Hanno votato mille e trecento comuni, ci sono risultati molto diversi per cercare di dare una lettura omogenea. Noi confermiamo che si tratta di un voto con ragioni di forte valenza territoriale ma c’è un elemento nazionale nel ballottaggio. Una vittoria molto netta e indiscutibile dei Cinque Stelle”. Così Matteo Renzi, in conferenza stampa a Palazzo Chigi con Massimo Bottura, vincitore del World Best 50 Restaurant, all’indomani dei ballottaggi delle elezioni comunali che hanno segnato un arretramento del Pd e il successo deciso del Movimento 5 stelle.

 

ITALIA______

NAPOLI – Una vasta operazione anticamorra, alla quale hanno partecipato oltre trecento carabinieri del Comando provinciale di Napoli, è scattata nel capoluogo campano per la cattura di una novantina di persone accusate di far parte, a vario titolo, del clan “D’Amico”, che controlla tutte le attività illecite nella periferia est della città. I reati ipotizzati dalla Dda in ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip di Napoli sono di associazione per delinquere di tipo mafioso, omicidio, estorsione, narcotraffico, detenzione e porto abusivo di armi da fuoco.

 

MONDO______

LIGURIA – C’e’ anche il sindaco di Lavagna (Genova), Giuseppe Sanguineti, tra gli otto arrestati nell’operazione della Polizia di Stato in Liguria con numerosi arresti e perquisizioni a carico di indagati per associazione per delinquere di stampo mafioso. Si tratta di presunti appartenenti alla ‘ndrangheta calabrese da anni residenti nelle Cinque Terre, attivi nel traffico illecito di rifiuti e di stupefacenti, usura, oltre che nel riciclaggio di denaro sporco e conseguente intestazione fittizia di beni e società. Sono otto le persone arrestate e tre sottoposte a misure cautelari. Tra gli arrestati, oltre al sindaco, anche uno dei consiglieri in carica del Comune di Lavagna, eletti in una lista civica nelle consultazioni amministrative del 2014, nonché un ex parlamentare della zona che non ha più cariche pubbliche. Ai due è contestato il reato di abuso dufficio. Gli arrestati, a vario titolo, sono indagati anche per i reati di voto di scambio e traffico illecito di influenze.

 

Category: Costume e società, Cronaca, Politica

Lascia un commento