DIARIO DI EURO 2016 / FRA TRASCORSI, REALTA’ E PROSPETTIVE: “Siam pronti alla morte, l’ Italia chiamò”

| 29 Giugno 2016 | 0 Comments

di Francesco Giannetta ______

Dopo la vittoria contro la Spagna, che ha regalato alla Nazionale Italiana l’accesso ai quarti di finale di Euro 2016, in molti hanno fatto i complimenti agli azzurri e al loro mister Antonio Conte.


L’Italia non è più solo catenaccio: merito di Antonio Conte, che ha capito che col solo catenaccio non si vince un torneo. Sono impressionato dal loro stile di gioco: la Spagna non è riuscita ad imbastire azioni offensive, ma hanno anche soluzioni avanti. Per questo per me questa nazionale azzurra è più forte di quella del 2008, del 2010 e del 2012.”. Queste le parole del C.T. della Germania, nostra prossima avversaria, Joachim Loew. Ma i meriti delle straordinarie prestazioni dell’Italia non sono solo di mister Conte. Elogi dal mondo sportivo internazionale sono arrivati anche per i nostri giocatori. Pellè, idolo indiscusso del gentil sesso, è l’uomo immagine di questa squadra. Tanto cuore, voglia e forza di determinazione, qualità fondamentali quando si viene considerati sfavoriti. Chiellini è stato inserito dal sito di statistiche calcistiche Whoscored nella top 11 degli ottavi di finale insieme a Srna, Nainggolan, Hazard, Griezmann e l’islandese Sigurdsson.


In casa spagnola c’è aria di rivoluzione. Per la Spagna la sconfitta contro l’Italia potrebbe significare la fine di un ciclo. Il cambiamento inizierà dalla panchina e Vicente Del Bosque non sarà più l’allenatore degli spagnoli, il suo posto probabilmente verrà preso da Joaquin Caparros.
Ora che l’ostacolo Spagna è stato superato a pieni voti è obbligatorio pensare al futuro, l’incontro di sabato contro la Germania, ma possiamo farlo dando uno sguardo al passato. Esattamente il 28 giugno di quattro anni fa l’Italia trionfava sulla Germania nella semifinale di Euro 2012. Protagonista di quell’incontro fu Mario Balotelli che con una doppietta ci consegnò il pass per la finale.
L’attesa per l’incontro di sabato è tanta, i giocatori azzurri sono tornati subito in campo per una seduta defaticante alla quale non hanno partecipato l’acciaccato Candreva, che si spera di recuperare per il match contro i tedeschi, e De Rossi che è uscito dal campo dolorante contro la Spagna. Le sue condizioni fisiche sono ancora da valutare, Conte spera di averlo a disposizione per sabato vista la squalifica di Thiago Motta ma al momento sta cercando anche altre alternative tattiche. Nel corso dell’allenamento il morale era alle stelle e non poteva essere altrimenti, accompagnati dai 300 sostenitori azzurri presenti sugli spalti i giocatori sono apparsi felici e rilassati, pronti a dare tutto in campo, ancora una volta, anche contro i tedeschi. A suonare la carica è stato, più di tutti, Leonardo Bonucci con un post molto patriottico pubblicato sul suo profilo Facebook “Energia allo stato puro. Perché Noi Italiani non cantiamo l’inno. Noi lo viviamo. Siam pronti alla morte l’Italia chiamò”.

 

Category: Costume e società, Eventi, Sport

Lascia un commento