ALTRO MAXI SEQUESTRO DI MARIJUANA ALBANESE

| 2 Ottobre 2016 | 0 Comments

(g.m.)______ E’ il nono, nel giro di poco più di due mesi, con le stesse caratteristiche, nelle stesse modalità. Poi, sempre in questo periodo, due altre notevoli operazioni, con relativi maxi sequestri, a terra.

Ma l’ altra notte c’è stato un altro, grosso, grossissimo, sequestro di droga, ancora in mare. Evidentemente la produzione è tanta, in Albania, e la domanda del ‘mercato’ salentino, già elevato durante tutto l’ anno, è maggiore, soprattutto in questo periodo in cui è ancora forte la presenza turistica.

Inoltre, l’ approdo sulle nostre coste è gestito in maniera manageriale dalla Sacra Corona Unita.

Un giorno d’ affari vorticoso, in mano alla mafia, con tanti piccoli intermediari e gregari a scalare. Fino agli ‘utilizzatori finali’, il cui numero aumenta, anzi ché diminuire, e passa disinvoltamente a dosi più frequenti e più pesanti.

La marijuana, a torto considerata droga ‘leggera’, muove interessi stratosferici ed è sempre abbondante e facile da trovare.

L’ altra notte sono stati arrestati dalla Guardia di Finanza, al largo di Brindisi, due scafisti pugliesi che, a bordo di un natante con due motori fuoribordo, trasportavano cinquecento cinquanta tre chili di marijuana, valore sul mercato nero cinque milioni di euro.

Category: Cronaca

Lascia un commento