banner ad

QUALI ANALISI FATTE ALL’ ULIVO ABBATTUTO A OSTUNI?

| 17 novembre 2016 | 0 Comments

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Da Roma, dal Senato della Repubblica, la senatrice del M5S Daniela Donno ci manda il seguente comunicato______

A fine ottobre, a Ostuni, in provincia di Brindisi, in una stazione di servizio, veniva abbattuto un ulivo risultato positivo al contagio da Xylella fastidiosa. Una pianta che, come riportato da media regionali e successivamente ripreso dal “Forum ambiente e salute Lecce”, pare risultasse negativa al patogeno nei test effettuati appena un anno prima, nell’estate del 2015.

A pretendere ancora una volta chiarezza su una vicenda, quella Xylella, che affigge ormai la Puglia da troppo tempo, è la senatrice Daniela Donno (M5S), che ha presentato un’interrogazione al Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali.

“Chiediamo al Ministro Martina di chiarire se l’ulivo in questione sia stato effettivamente sottoposto ad analisi nel corso dell’anno 2015 e, in caso affermativo, quali siano gli enti e/o gli istituti che se ne siano occupati, quali test siano stati svolti e quali i risultati registrati” afferma la pentastellata.

“Va inoltre indagato sulla sussistenza di eventuali ulteriori patogeni responsabili del disseccamento, valutando se gli enti e gli istituti coinvolti abbiano posto in essere tutti gli interventi necessari e utilizzato tutti gli strumenti utili a contrastare il fenomeno Xylella, ormai una vera e propria piaga per la Puglia” conclude Donno.______
L’ APPROFONDIMENTO nei nostri articoli del 21 e del 26 ottobre scorsi:

http://www.leccecronaca.it/index.php/2016/10/21/xylella-riprende-la-follia-dopo-la-segnalazione-di-un-ulivo-infettato-ad-osutni-bruxelles-ordina-abbattete-tutti-gli-alberi-intorno-nel-giro-di-cento-metri-bari-esegue-subito-e-si-p/

http://www.leccecronaca.it/index.php/2016/10/26/addio-all-ulivo-di-ostuni-condannato-a-morte-dai-burocrati-di-bruxelles-e-giustiziato-nella-notte-da-quelli-di-bari/

 

Category: Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Lascia un commento

banner ad
banner ad