Comunque Vada… / I VEGLIONI DI CIUSY E DI MAMMA’

| 8 gennaio 2017 | 0 Comments

di Elena Vada______

“Ciusy, ti stavo raccontando che o Veglione è stat proprio ‘na bellezza! Ce steveno Signore tutt imbellettat (truccate bene). E vest eran chiù megl da mia (i loro vestiti erano più belli del mio). Uuuuuuuuuh! Dovevi vedere che impernacchiature! (che eleganza sfarzosa!). Patet stev cull’uocchie a foraaa (tuo padre osservava molto interessato!): era ‘na festa e CUL, COSC, PIETT, SCUPERT… senza vergogna… e chell, patet, (e quello, tuo padre) se perdev in miezz a chella folla e scustumate! (si perdeva in mezzo a quella folla di scollacciate).

Ci siamo seduti a tavola, eravamo in tanti..

Giusy-:”Mamma, ma almeno avete mangiato e bevuto bene?… La compagnia era piacevole?…insomma, hai detto che ti sei divertita!!!”

– “Ciusy, e lassam cuntà (lasciami raccontare)… ce steven tanti antipasti piemuntes, ch’agg scupert che fann tutto al “VERT”

-”Cosa vuoi dire mamma .. “verde”?”

– “Si, si, gli altri colori non li conoscono proprio, adesso ti dico…. me l’ho segnato.. Allora c’erano, (poi dopo, se non hai capito, te lo traduco): bagnet (salsa) AL VERT; tumin (formaggio) AL VERT; anciue (acciughe) AL VERT; puvrun (peperoni) AL VERT…… allora, ho chiesto al cameriere di cambiare colore, che tanto noi non votiamo né Verdi, né Padani… e tutti se song mess a rirer (si sono messi a ridere). Poi ci dicono a noi meridionali che usiamo tanto aglio.. i piemuntes fann assai pegg e nuie. Chell che stava assettat (seduto) vicino a me, (ca’ fetev assai : che puzzava molto), parlava, parlava e parlava… io non ho capiv proprio!.. niente e ci rispunnev sempre SI, ca’ capa. Ricev (diceva):“perèpeppèrepe, nèèèè?!? E poi nata vota: perèpeppèperè, nèèèèèèèèèè?!?”

– Giusy:” Ma, mamma, potevi chiedergli di ripetere in italiano, invece del piemontese… chissà che t’avrà detto, pover’uomo!?!?!?… potevi scambiare il posto con papà… almeno dicevi due parole…mentre mangiavi”.

Marì-:”ma ie pienz che neanche lui mi capiva… poi mi versava il vino e mi aggiungeva roba nel piatto… e mi sono aggiustata lo stesso. Ci hanno portato, anche, il mangiare Francese.. che non mi ricordo.. ma era buono, aspiett ‘nu poc: flan, purchignonne, creèp, vitel tonè, fondù, cockteil di pesce… e poi tajarin, agnulot, e cunij al sivè e alla fine il panettone con sciampagna e anche il bunèt, che è ‘na specie di budino al cioccolato”

– Giusy:”Per quello avete mangiato riso in bianco per tre giorni e bevuto bicarbonato “a gogò”, vi siete strafogati!… però mi sembra che la cena vi sia piaciuta…. Anche se era molto piemontese… vero mamma?!”

– “Assai, figlia mia… e dopo c’era l’orchestrina… che tuo padre mi ha dato una gomitata rint a panza… e mi ha detto che si dice “gruppo” e ci ho risposto che “gruppo o orchestrina” sempre ce stevan quatt a sunà e uno a cantà! Hanno fatto tutta musica da vosta, fino a mezzanotte, poi hanno cominciato le canzoni nostre. E …indovina un po’ tuo padre, ca’ era già nu poco imbriac, è gghiut in gopp o palco s’è messo a cantare: O’ surdat nnammurat; Reginella; poi ha detto, col microfono,

:”Dedicat alla mia dolce Marì e a mia figlia Ciusy (luce dei miei occhi), canterò: MARUZZELLA”

e io me song mis a chiagner (mi sono messa a piangere). Sapessi quanto lo hanno battuto le mani, che volevano che cantava ancora…… ma, noi, ci siamo messi a ballare tutte le canzoni degli anni ‘Sessanta. Dovevi vedere come mi muovevo bene, ho incontrato pure na’ commare di un paese vicino al nostro, col marito.. allora ci siamo fatti suonare una “Tarantella” e tutti battevano le mani e provavano a fare come noi, ma sadda nascere napulitan pe’ cantà e ballà cumm facimm nui!

(ma si deve nascere napoletani per saper cantare e ballare come facciamo noi).

Alla fine tuo padre, ha fatto una sceneggiata. Dice, che io, tua madre medesima, esempio di fedeltà, facev a scem co uno ca stev lloc (dice che facevo la scema, con uno che stava li)…”

Allora l’agg purtat int o cess (l’ho portato in bagno) o gli ho bagnato la fronte e l’ho fatto calmare.

– “Mamma mia che paura… papà è terribile quando s’inquieta per gelosia… ma poi come avete fatto a tornare a casa?” – “M’agg fatt chiamà un taxì e siamo arrivati a casa che non ci stavi ancora né tu né tuo fratello… adesso tocca a te raccontare…”

– “Mammina, avevamo pochi soldi… dobbiamo andare a Londra per l’Epifania, lo sai, e quindi siamo andati in Piazza Castello e lungo il PO, a festeggiare con tutti gli amici, i soliti, sempre gli stessi che conosci anche tu….”

– Mary:”Ma quando lo porti a casa quel bel giovane che ti hai fidanzato, tuo padre è all’antica, lo vuole canoscere e pure io, visto che è anche un buon partito.. e studia, vero?!?!”

– “Mammà, si n’inciucessa (pettegola), quando sarà ora lo porterò a casa…. Ma guarda che è piemontesissimo… devi fare un corso accelerato di cucina AL VERT, come dici tu….”

– Marì:” Ma vattenn… che come cucino io (modestamente) si allicano, tutti, i baffi….!!!!!”

(si leccano tutti i baffi).

La famiglia Scognamiglio, ci riserva sempre sorprese e stranezze e ci strappa qualche sorriso.

Alla prossima.

 

 

 

 

 

 

Category: Costume e società, Cultura

Lascia un commento