DIARIO DEL GIORNO PRIMA / IL TAM TAM DI ANNIBALE

| 30 Maggio 2017 | 0 Comments

ITALIA______

MILANO – “Un cittadino tunisino 24enne, pregiudicato per reati comuni, violenza sessuale e stupefacenti, arrestato a Milano il 27 novembre 2016 e recluso nella Casa Circondariale di Bollate, è stato espulso oggi dal territorio nazionale per motivi di pericolosità sociale”. Lo rende noto il Viminale. Il tunisino era emerso all’attenzione delle indagini investigative a seguito di monitoraggio del Dap in quanto durante l’udienza di convalida dell’arresto aveva proferito parole ingiuriose verso il giudice e quindi era stato inserito nella categoria degli “attenzionati” con “rischio medio” di radicalizzazione. Inoltre, le indagini in corso hanno accertato un collegamento con il cittadino italiano Ismail Tommaso Ben Youssef Hosni, arrestato la sera dello scorso 18 maggio per aver ferito due militari e un agente della Polizia ferroviaria in stazione Centrale a Milano.

ITALIA______

Uber vince contro i taxi. Il tribunale di Roma revoca l’ordinanza con la quale il 7 aprile scorso aveva bloccato su tutto il territorio nazionale i servizi Uber Black e affini, gli unici operativi in Italia. Un blocco che in realtà non era entrato in vigore perché la app era stata autorizzata a funzionare in attesa della pronuncia definitiva. Gli altri servizi denominati Uber Pop e Uber X continuano invece ad essere vietati, come stabilito dal Tribunale di Torino con sentenza del 22 marzo 2017.

MONDO______

TAORMINA – Donald Trump e Angela Merkel lasceranno Taormina al termine dei lavori del G7 senza tenere la consueta conferenza stampa finale. La Merkel avrà solo un breve colloquio con i giornalisti tedeschi, non con la stampa internazionale. Dopo il pranzo di lavoro con gli altri leader, Trump si recherà subito alla base di Sigonella dove parlerà alle truppe Usa. Poi l’imbarco sull’Air Force One che lo riporterà’ con la first lady Melania a Washington. Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, dando il via al secondo giorno di lavori, allargato ai leader di Tunisia, Nigeria, Niger, Etiopia e Kenia, ha detto che la discussione con l’Africa “si concentra sull’esigenza di partnership a tutto campo tra G7, organismi internazionali e paesi africani con l’obiettivo d’innovazione e sviluppo del capitale umano”.

Category: Costume e società, Cronaca, Politica

Lascia un commento