GIORNALISTA FERITO A MELENDUGNO SUL CANTIERE DELLA TAP, DOCUMENTAVA LA COSI’ DETTA ‘POTATURA’ DEGLI ULIVI. UNA DICHIARAZIONE DELLA SENATRICE DANIELA DONNO. DOMENICA PROSSIMA NUOVA PROTESTA DI PIAZZA A MELENDUGNO

| 2 novembre 2017 | 0 Comments

(e.l.)______

Anche oggi mattinata di tensione a Melendugno. Anche oggi gli attivisti del Comitato No Tap hanno protestato contro la così detta ‘potatura’ degli ulivi che la Tap sta facendo alle piante poi destinate all’ espianto, in vista della prevista posa in opera del terminale del gasdotto.

Fra gli altri, a documentare quanto sta avvenendo, anche con immagini riprese con un drone, c’ era un giornalista, Jan Hustak, collaboratore del sito di informazioni sulle politiche energetiche europee 350.org.

Secondo quanto denunciato dal giovane, benché indossasse una pettorina con la scritta ‘Press’, è stato fermato e strattonato dalla Polizia, ed è stato medicato al Pronto Soccorso per le medicazioni del caso.

In tarda serata, la Questura ha diffuso un comunicato, in cui respinge e ribalta le accuse, eccone il testo:

Nella tarda mattinata odierna, durante lo svolgimento delle attività di potatura degli ulivi in agro di Melendugno, il personale di polizia impiegato nei servizi di ordine pubblico notava la presenza di un drone volare sul terreno dove erano concentrate le maestranze impegnate nelle predette attività e le Forze di Polizia.

Veniva individuato, quale conduttore del velivolo, un giovane poi identificato per un 34enne cittadino della Repubblica Ceca, presentato dai NO TAP come giornalista di non precisata testata, al solo fine, poi manifestatosi, di sottrarlo ai controlli.

Lo stesso, in un primo momento, rifiutava di fornire le proprie generalità ed in tale frangente veniva strattonato da appartenenti al Movimento No Tap per sottrarlo al controllo di polizia. Il personale di polizia nonostante la resistenza messa in atto dal gruppo di attivisti, procedeva comunque alla sua identificazione. Lo stesso, una volta preso atto della regolarità del controllo di polizia, asseriva di essere proprietario del velivolo suindicato, il cui utilizzo, finalizzato alla realizzazione di un reportage sui lavori della Società T.A.P. Ag., non era stato preventivamente oggetto di richiesta autorizzativa alla competente Autorità e volava sulle teste delle persone, cosa assolutamente vietato in Italia.

Contrariamente a quanto riportato da talune testate giornalistiche, il giornalista Ceco indossava una maglietta non di colore nero, bensì rosso con l’effigie di Che Guevara e non aveva nessuna pettorina identificativa, né è stato in grado di mostrare nessun tesserino che lo qualificasse come giornalista. La gamba escoriata risulta appartenere ad altra persona estranea ai fatti descritti.

Tutta l’operazione è stata videoripresa dalla Polizia Scientifica e i filmati saranno inviati all’Autorità Giudiziaria a corredo delle denunce per resistenza a pubblico ufficiale”.

 

Sull’ episodio, è intervenuta in serata da Roma la senatrice Daniela Donno del M5S, che ha diffuso la seguente dichiarazione: “Dispiace venire a sapere che un giornalista è rimasto contuso nelle campagne interessate dal tracciato TAP, dove stanno avvenendo le operazioni di capitozzatura degli ulivi. La protesta dei cittadini è, e deve rimanere, pacifica. Per questo è fondamentale limitare ogni possibile episodio di tensione.

Il territorio salentino sta subendo le conseguenze di una politica industriale scellerata e invasiva, che non rispetta le campagne, gli uliveti, e oltre al danno economico per gli agricoltori deturpa anche la costa, che rischia di perdere ogni attrattiva turistica. Si tratta, e non ci stancheremo mai di dirlo, di un’opera inutile e dannosa, che non porterà nessun vantaggio per il territorio. Dunque, è comprensibile che gli animi siano accesi. In tutto questo, però, qualsiasi forma di violenza e da chiunque provenga, è inammissibile, eventuali momenti di contrasto devono trovare immediata composizione, proprio per evitare spiacevoli conseguenze”.

 

Sempre nel tardo pomeriggio, il Comitato No Tap ha annunciato di aver indetto una nuova manifestazione di protesta domenica prossima, alle 10.30, con ritrovo in piazza Pertini a Melendugno, con corteo, pranzo sociale al sacco nella Villa Comunale, e presentazione di un libro per bambini di Serena Fiorentino intitolato significativamente “Tanto non la fanno”.______

LA RICERCA nel nostro articolo seguente

LE ‘POTATURE’ DELLA TAP

Category: Cronaca, Politica

Lascia un commento