‘PULLMAN FUORI STRADA, TRAGEDIA SFIORATA’

| 18 novembre 2017 | 0 Comments

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Il presidente dell’ associazione Sportello dei Diritti Giovanni D’Agata ci manda il seguente comunicato______

Cede la strada: tragedia sfiorata. Pullman carico di studenti e pendolari fuori strada a causa del maltempo e cattiva manutenzione delle strade nel Sud Salento. Il fatto, sulla provinciale Casarano – Ugento. Lo “Sportello dei Diritti”: colpa della scarsa manutenzione a causa dei tagli alle province.

Non solo crolli nelle scuole. E’ bastato un pò di maltempo nel Basso Salento per far sfiorare l’ennesima tragedia ad un bus carico di studenti e pendolari se la prontezza di riflessi del conducente non l’avesse impedita.

Colpa le copiose piogge che da giorni insistono sull’estremo lembo del Tacco d’Italia e certamente la scarsa manutenzione delle strade, alle 14 di oggi la corriera delle FSE che percorreva la strada provinciale 72 Ugento – Casarano, subito dopo il ponte della statale 274 Leuca-Gallipoli, si è inclinata sul fianco sinistro e si è letteralmente appoggiata su un muro di cinta che la costeggia dopo che la banchina della carreggiata inondata d’acqua, ha ceduto. A segnalarci  quest’ennesimo accadimento che possiamo commentare tirando un sospiro di sollievo è stato ancora una volta il consigliere comunale di Ugento Gianfranco Coppola che si è prontamente recato in loco a documentare l’evento anche attraverso le fotografie che alleghiamo.

Un fatto che costituisce l’ennesima prova che i tagli voluti dai governi susseguitisi sulle province hanno causato come diretta conseguenza che la manutenzione ordinaria sulle strade stia diventando un vero e proprio miraggio. Non è in alcun modo tollerabile, in tal senso, che per un periodo di pioggia, seppur copiosa e comunque in linea con gli eventi temporaleschi che si verificano da anni a questa parte, si possa mettere a repentaglio la sicurezza della viabilità stradale e la pubblica incolumità.

 

Category: Cronaca, Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Lascia un commento