LECCECRONACHE / BEATI GLI ULTIMI?

| 29 novembre 2017 | 0 Comments

di Raffaele Polo______

Lecce al 104mo posto?

Dunque, secondo le intriganti e sempre seguite graduatorie pubblicate con grande risalto dai quotidiani più acclarati (il Sole 24 ore è un po’ come il Radiocorriere degli anni Sessanta, non ne puoi fare a meno e ciò che pubblica è Verità. Come il Vangelo) la nostra Lecce è, in classifica, agli ultimi posti.

C’è chi scrive: ‘ al 104mo posto’.

Ma un numero in più o in meno non fa differenza. Sta di fatto che, da tempo, la nostra città è decisamente in coda nelle valutazioni per la ‘qualità della vita’.

Non serve offendersi o pigliarsela a cuore e animosamente controbattere con mille ragionamenti, coinvolgendo bellezze architettoniche e sapori gastronomici, mari puliti e avvenenza del sesso femminile…

Ora, cum grano salis, diciamo subito che la graduatoria di cui sopra, può essere accettata.

Con beneficio d’inventario, certo; con qualche ‘distinguo’, è vero. Ma dobbiamo renderci conto che la ‘qualità della vita’, qui, non è molto alta. Siamo noi stessi, d’altra parte, che ci lamentiamo perché i servizi pubblici non funzionano, il pronto soccorso non offre un servizio accettabile, il sistema di parcheggi è da incubo e la sicurezza per le strade lascia a desiderare. Se volete, aggiungiamo con un mesto sorriso che in qualsiasi ufficio aperto al pubblico le code si sprecano e vige sempre la pessima abitudine di ricorrere all’amico conoscente (dì che ti mando io…)e che tessere e biglietti di favore imperano come status- symbol… Ma questo avviene dappertutto, possibile che ci condannino perché le piste ciclabili sono strisce dipinte sui marciapiedi e per andare dalla 167 all’ospedale c’è un solo autobus ogni ora?

Onestamente, c’è qualcosa che non va.

Ed è dentro di noi.

L’animo del leccese, ereditato dalla storica presenza spagnola, è orgoglioso e pieno di sé. Si lamenta e fa questioni di lana caprina per ogni argomento. Ma guai se le stesse cose vengono a dirgliele da fuori.

Lecce, del resto, è città d’arte e se ne fotte di chi arriva e di chi parte.

E il bello è che la verità è proprio il contrario: il leccese ammira e stima ‘gli stranieri’, li ospita e li coccola come nessun altro.

Queste contraddizioni ci fanno comprendere come la nostra classifica ideale veda Lecce al 3° o 4° posto. Anche se passiamo la giornata, tra noi, a lamentarci perché la qualità della vita è pessima e i problemi in sempre maggior crescita….

Restano le donne. E su questo siamo tutti d’accordo, vero?

Certo che la vigilessa che ieri, inflessibilmente, ci ha appioppato una multa salata non era proprio il massimo…

Category: Costume e società, Cronaca, Cultura

Lascia un commento