LA PARTITA / LECCE-CATANZARO: ALL’ ESORDIO SARANITI SUBITO IN GOAL, POI IL PAREGGIO DEGLI OSPITI, MA I GIALLOROSSI DI CASA ALLA FINE VINCONO PER TRE A UNO

| 4 Febbraio 2018 | 0 Comments

di Laura Ricci____

Il Lecce aggiunge una vittoria alla sua collezione: tre a uno al Via del Mare contro il Catanzaro.

Il neo acquisto Sariniti esordisce con una rete che apre le marcature; Letizia riporta l’equilibrio momentaneo al 26′, ma poi un autogoal di Di Nunzio e la rete di Mancosu chiudono la questione in favore dei giallorossi.

FORMAZIONI

LECCE: Perucchini, Di Matteo, Mancosu, Cosenza, Arrigoni, Lepore, Marino, Tabanelli, Dubickas, Armellino, Saraniti. Allenatore: Liverani.

CATANZARO: Nordi, Sabato, Maita, Zanini, Infantino, Di Nunzio, Letizia, Onescu, Spighi, De Giorgi, Sepe.  Allenatore: Dionigi.

Arbitro Matteo Proietti di Terni, accompagnato dagli assistenti di gara Nicola Badoer di Castelfranco Veneto e Fabio Tribelli di Castelfranco Veneto.

LA CRONACA

Primo Tempo

Parte forte il Lecce che dopo un paio di incursioni potenzialmente pericolose trova il goal già al minuto undici con Lepore che trova la testa dell’esordiente Saraniti, bravo a bruciare il tempo al portiere avversario e a impreziosire con un goal che apre le danze la sua prima partita con la maglia giallorossa.

La reazione del Catanzaro non tarda ad arrivare: la squadra ospite spinge e al 26′ riesce a riequilibrare il risultato con un taglio letale di Letizia che sancisce l’uno a uno.

Partita viva e accesa, entrambe le squadre giocano a viso aperto e lo spettacolo è gradito dagli spalti; al 44′ Mancosu sfiora il goal del raddoppio con una sforbiciata che accarezza il palo di Nordi per poi spegnersi sul fondo.

Secondo Tempo

Liverani manda in campo Tsonev al posto di Tabanelli ed è proprio del bulgaro il tocco che viene deviato accidentalmente da Di Nunzio che beffa il suo stesso portiere e mette a segno un autogoal che sposta pesantemente gli equilibri in campo.

Il Lecce riesce a riprendere il pallino del gioco e si porta in avanti in più occasioni, fino a quando al 25′ della seconda frazione di gioco non trova il bel piattone di Mancosu che sfrutta un cross del decisivo Tsonev che da quando ha fatto il suo ingresso in campo ha cambiato le sorti dell’incontro.

IL GIUDIZIO

Altro giro, altra corsa: un altro successo per il Lecce di Liverani che continua a non deludere. Una partita fino al 50′ molto complicata, con il Catanzaro vivace a pericoloso a più riprese; decisivo l’ingresso in campo di Tsonev che ci ha messo lo zampino sul due a uno e sul tre a uno finale.

Ottimo l’esordio di Saraniti, che di più non poteva sperare: titolare e segno dopo undici minuti di gioco.

 

 

 

Category: Costume e società

Lascia un commento