LE VITE INQUINATE DI BRINDISI

| 6 Febbraio 2018 | 0 Comments

(e.l.)______

Già da tempo è attivo nel denunciare il fatto che “la presenza di due colossi dell’energia come Eni ed Enel fanno di questa zona una delle più inquinate in Italia con le terribili conseguenze ambientali e di salute che ne conseguono”.

Vincenzo Gaudino, presidente dell’ associazione Vite Inquinate , di Brindisi, ha diffuso su Facebook domenica sera un allarme che qui di seguito riportiamo______

 

Ancora emissioni odorigene dall’area industriale sulla città

Nelle prime ore di domenica 4 febbraio il centro della città è stato investito da un forte odore acre di provenienza dall’area industriale anche a causa di un vento occidentale.
L’evento non è nuovo ed anche l’orario notturno come il giorno festivo è comune ad altri simili accadimenti. Coincidenze queste che fanno pensare come per certe operazioni si scelgano orari e giorni in cui la già debole capacità di controllo delle istituzioni preposte è ancora minore.
L’estate scorsa per molte sere la città fu interessata da analoghi fenomeni ma le autorità di controllo non riuscirono stranamente ad individuarne la fonte come se si trattasse di un mistero. È già noto da tempo che le malattie respiratorie in città sono più frequenti anche per le emissioni industriali ma questa conoscenza rischia di rimanere puramente accademica se chi ha il mandato di tutelare la salute pubblica non compie azioni preventive che riducano questo danno.
Per questo chiediamo al Comune ed all’Arpa di condurre i necessari accertamenti sulle emissioni odorigene avvertite in città.

 

Category: Cronaca

Lascia un commento