IL PRESIDENTE MATTARELLA SCEGLIE LA CASELLATI QUALE LEVATRICE DEL NUOVO GOVERNO – photogallery

| 18 Aprile 2018 | 0 Comments

di Valerio Melcore______

Il capo dello Stato Mattarella ha affidato a Maria Elisabetta Alberti Casellati, un incarico esplorativo per verificare, se la Presidente del Senato possa riuscire dove lui ha fallito, ossia svolgere quell’azione di maieutica necessaria a convincere le forze politiche a dare vita ad un nuovo governo.

Al Quirinale, davanti ad una platea di giornalisti e fotografi, con i corazzieri che facevano da cornice, il portavoce del Presidente della Repubblica ha dichiarato: “Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricevuto questa mattina al Palazzo del Quirinale la Presidente del senato Maria Elisabetta Alberti Casellati e le ha affidato il compito di verificare l’esistenza di una maggioranza parlamentare fra i partiti della coalizione del centrodestra e il M5S e di un’indicazione condivisa per il conferimento dell’incarico del presidente del Consiglio per costituire il governo. Il presidente della Repubblica ha chiesto alla presidente del Senato di riferire entro la giornata di venerdì”. 

“Ho ricevuto dal Presidente della Repubblica il mandato esplorativo nei termini già espressi dal comunicato. Ho ringraziato per la fiducia accordatami il Presidente Mattarella, che terrò costantemente aggiornato, intendo svolgere questo incarico – ha detto la Casellati –  con lo stesso spirito di servizio che ha animato in queste settimane il ruolo di Presidente del Senato. Sarete informati del calendario degli incontri che avverranno in tempi molto rapidi”.
Quando la Presidente ha lasciato le stanze del Quirinale nel cortile interno la Banda della Marina Militare Italiana si è messa a suonare, chissà perché a me è venuto in mente il Titanic che affondava mentre l’orchestra suonava e tutti i passeggeri erano presi dai loro piccoli interessi.

Poi naturalmente con la consueta ipocrisia che contraddistingue le forze politiche italiane, tutti si dicono contenti della scelta. La Terza Repubblica, tra incarichi, rinvii, mandati esplorativi e formule alchemiche, balletti e giravolte comincia a ricordare comportamenti che erano in auge qualche decennio fa. Ci manca solo l’utilizzo del manuale Cencelli e saremo ripiombati in piena Prima Repubblica.

Infatti, trapela la notizia che Di Maio abbia espresso soddisfazione per la scelta del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. E’ l’occasione per esplicitare che il centrodestra non ha i numeri per governare, viene spiegato dal M5S che osserva come, in questa occasione, il leader della Lega Matteo Salvini dovrà assumersi la propria responsabilità e decidere se vuole governare o stare all’opposizione con Berlusconi.

La Lega fa sapere che: ” è positivo l’incarico alla presidente Casellati perché il perimetro di un governo di centrodestra-5 stelle è esattamente quello deciso dal popolo italiano. La Lega è pronta a governare anche oggi, basta che gli altri smettano di litigare”.

“Ringraziamo – commenta il capogruppo M5s al Senato Danilo Toninelli – il presidente Mattarella per questa occasione che sarà utile per fare chiarezza. L’Italia ha urgente bisogno di un governo del cambiamento e noi metteremo al centro dell’agenda i temi che il 4 marzo hanno portato 11 milioni a votarci”. “Lo scenario – dice a Radio Rai il senatore pentastellato Vito Crimi – è Di Maio Premier. Alla Casellati diremo le stesse cose che abbiamo detto a Mattarella. Il veto su Silvio Berlusconi resterà, perché rappresenta il non-cambiamento. Vogliamo dare una sferzata al modo di fare politica”.

“Voglio augurare buon lavoro alla presidente del Senato e ringraziare il presidente Mattarella per questa decisione. Questa per noi è un’occasione preziosa per fare chiarezza anche perché l’Italia non può più aspettare. Alla presidente del Senato esporremo le nostre posizioni e le nostre proposte coerentemente con quanto abbiamo già affermato negli ultimi giorni”. Lo afferma, in un video su Facebook, il capo politico del M5S Luigi Di Maio.

Category: Costume e società, Politica

Lascia un commento