VASTA OPERAZIONE DI CONTROLLO DEL TERRITORIO SALENTINO DA PARTE DEI CARABINIERI: QUATTRO ARRESTI E TRENTACINQUE DENUNCE

| 11 giugno 2018 | 0 Comments

(e.l.)______Si è da poco conclusa una vasta operazione di controllo del territorio in tutta la provincia di Lecce ad opera dei Carabinieri, con l’ impigo di centoquaranta militari, due unità cinofile, sessanta automezzi e un elicottero.

Il bilancio principale è di quattro persone arrestate; tentacinque denunciate a piede libero; ventisei segnalate in Prefettura per uso di droga. Sono state ritirate venticinque patenti di guida.

Diamo conto in dettaglio degli arresti.

Il primo è avvenuto in flagranza di reato a Leverano, per detenzione abusiva di armi, e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Si tratta di Alessandro Savina, 38 anni, trovato in possesso di due fucili, numerose cartucce, un grammo di cocaina, trentatrè di marijuana, ed un bilancino di precisione. Si trova ora in carcere.

Il secondo, sempre in flagranza di reato, a Porto Cesareo, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Si tratta di Fabio Spagnolo, 43 anni, trovato in possesso di quattrocento trenta grammi di hashish. Anche lui portato in carcere.

A Melissano è stato arrestato, e si trova ora ai domiciliari, Salvatore Caputo, 41 anni, sorpreso a cedere dosi di cocaina a due giovani.

A Calimera, infine, è stato arrestato e portato in carcere Salvatore Doria, 53 anni, protagonsta degli ultimi mesi di una impressionante serie di episodi di cronaca nera, che hanno portato nei suoi confronti all’ emissione di un’ ordinanza di custodia cautelare.

 

Fra le persone denunciate a piede libero, fra tanti casi di estorsioni, furti e truffe varie, spiccano due episodi particolari. Un uomo di 53 anni, di Nardò, a bordo di una Land Rover non si fermava al semaforo rosso del passaggio a livello di Galatone e finiva incastrato fra le barriere, finendo con il danneggiarle. Rintracciato per il numero di targa, è stato denunciato appunto per danneggiamento.

Un giovane di 27 anni, invece, di Taurisano, alla guida di un Fiorino Fiat, all’ ALT intimatogli a Lido Marini di Ugento, non si fermava e, cercando di scappare, commetteva alcune infrazioni al codice della strada tali da costringere i militari, che, naturalmente, lo hanno raggiunto in poco tempo, a ritirargli la patente di guida.

 

 

Category: Cronaca

Lascia un commento