banner ad
banner ad

“No multe per chi compra dagli ambulanti”

| 20 luglio 2018 | 1 Comment

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Anna Caputo, preidente dell’ Arci Lecce, ci scrive______

In risposta alla “Circolare Salvini” che prevede l’allontamento degli ambulanti dalle spiagge e sanzioni fino a 7mila euro per chi compra, Arci Lecce difenderà gratuitamente chi dovesse essere multato in provincia di Lecce.

Condanniamo con fermezza la scelta del Viminale, che nel nome della sicurezza ha lanciato l’ennesima demonizzazione dei migranti, dimenticandosi dei problemi reali delle coste, come i rifiuti, la cementificazione, gli scarichi fognari a mare. Non si può continuare a buttare fumo negli occhi degli italiani per distoglierli dai probemi reali e farli concentrare solo sulla provenienza geografica di chi ci sta intorno.

 

Che il superministro Salvini, con il suo governo, dia piuttosto risposte a problematiche concrete quali la disoccupazione, i reati ambientali, la sanità che oramai è in mano ai privati, le aziende che chiudono o si trasferisocno, l’accesso ai servizi per le famiglie con figli, la scuola depauperata di risorse, le politiche per gli anziani, il costo del lavoro, ecc…

 

La sicurezza del territorio – e l’aumento del personale tra polizia locale e forze dell’ordine impegnato nei controlli – non passa attraverso tali azioni, ma tramite controlli capillari sulle interconnessioni criminali che danno lavoro nero, alimentano la prostituzione, gestiscono il mercato delle droghe pesanti, in particolar modo d’estate nelle zone di grande attrazione per i giovani.

 

Riteniamo caratteristico e pittoresco il passaggio dei venditori sulla spiaggia, tutt’altro che irregolari visto che la stragrande maggioranza di essi possiede apposita licenza per vendere e godono di un regime forfettario come tanti altri venditori ambulanti. Sono ormai un pezzo della nostra identità territoriale e in fondo: chi non ha mai comprato una collanina, un anello, un pareo o un materassino a mare?

 

Arci Lecce sarà così al fianco di tutti coloro che dovessero subire una sanzione per aver acquistato in spiaggia prodotti venduti dagli ambulanti di qualsiasi nazione essi siano. Abbiamo già ricevuto la disponibilità di diversi legali a dare tutela legale a chi incappasse in queste multe. Che poi, diciamocelo, non sarebbe un bello spettacolo vedere un agente della municipale inseguire in spiaggia un venditore ambulante….

Category: Politica, Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Casa Pound - tramite mail ha detto:

    “ARCI Lecce annuncia di voler fornire consulenza gratuita agli ambulanti abusivi, e ai loro eventuali clienti, che dovessero essere multati in seguito al decreto Salvini. Forse con le centinaia di migliaia di euro dei finanziamenti pubblici per la gestione degli Sprar e dei Cas, oltre a fare barchette di carta, biscottini, corsi di musica per imparare a cantare “Bella Ciao”, Arci organizzerà anche lezioni di ‘evasione fiscale’?”

    A scriverlo, in un post sulla sua pagina Facebook ufficiale, è Matteo Centonze, già candidato sindaco a Lecce per CasaPound.

    “Nel mondo arcobaleno della galassia delle associazioni parassitarie tutto è possibile – aggiunge Centonze – CasaPound, nel frattempo, resta con i piedi per terra, al fianco delle migliaia di italiani in difficoltà, sempre sul limite della soglia di povertà, se non già oltre. Continuiamo a sostenere il nostro popolo con le raccolte alimentari, con le visite cardiologica gratuite, con le giornate per la prevenzione delle patologie legate alla pressione arteriosa, con l’assistenza legale gratuita per gli inquilini delle case popolari impossibilitati a pagare un proprio avvocato, con la consulenza aziendale per i giovani imprenditori”.

Lascia un commento

banner ad
banner ad