banner ad

LE ULTIME DI CRONACA NERA IN BREVE

| 30 luglio 2018 | 0 Comments

(e.l.)______

Un uomo di 53 anni di Taviano, sul posto di lavoro in un bar di marina di Mancaversa, al termine di un diverbio per futili motivi, ha colpito con un piattino un giovane di 40 anni, portato poi al pronto soccorso dell’ ospedale di Gallipoli: per l’ aggressore è scattata una denuncia a piede libero per lesioni.

 

Tre uomini di 66, 61 e 42 anni, e due giovani di 23 e 34 anni, tutti di Taurisano, sono stati denunciati a piede libero a vario titolo per furto ed estorsione in concorso, ai danni di un imprenditore del paese, residente in Germania, al quale era stata rubata l’ auto.

 

Agli arresti domiciliari in una struttura ricettiva, Dionisio Magistri, 37 anni, di Casarano, è stato portato in carcere in seguito ad un’ apposita ordinanza del Tribunale.

 

Un giovane di 29 anni, della Costa d’ Avorio, è stato fermato a Gallipoli dai Carabinieri, durante un servizio di controllo antidroga, e portato poi in carcere: a suo carico c’era infatti un’ ordinanza di custodia cautelare emessa tre mesi fa dalla Procura della Repubblica di Bari per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

 

Tre giorni fa aveva rubato la macchina ad un suo conoscente, approfittando del suo momentaneo allontanamento, ma i Carabinieri sono rialiti a lui, e lo hanno denunciato a piede libero per furto aggravato: si tratta dinun giovane di 37 anni di Aradeo.

 

Picchiata dal marito, un giovane di 36 anni, di nazionalità nigeriana, residente a Galatina, denunciato a piede libero, dopo una lite per futili motivi, una donna anche lei di nazionalità nigeriana, e il figlio di tre anni, sono state portati in un centro antiviolenza.

 

 

Durante una vasta operazione di controllo del territorio da parte dei Carabinieri, un giovane di 21 anni di Casarano è stato denunciato a piede libero perchè aveva a casa sua tre piante di marijuana; un uomo di 48 anni di Racale, e un giovane di 31 anni di Casarano, perchè trovati in possesso di oggetti atti ad offendere, tenuti all’ interno della propria auto; un uomo di 42 anni di Parabita, e la sua convivente di nazionalità romena di 41 anni, per furto aggravato di energia elettrica in concorso, per via degli allacciamenti abusivi trovati in casa loro; un giovane di 18 anni di Racale, per maltrattamenti in famiglia, per aver picchiato la sorella; un uomo di 45 anni di San Cesario, per aver picchiato la sua compagna, coetanea, di Ruffano; un giovane di 37 anni di Casarano, per aver minacciato un vicino di casa per futili motivi con una  sciabola, un uomo di 47 anni di Taviano, per aver minacciato il padre, sempre per futili motivi, con un coltello da cucina; una giovane di 25 anni, di Casarano, con contestuale ritiro della patente, per aver provocato un incidente stradale, mentre guidava sotto l’ effetto di sostanze  alcoliche. Una dozzina di altre persone sono state denunciate per aver disatteso gli obblighi di limitazione della libertà cui erano a vario titolo sottoposti.

 

 

Category: Cronaca

Lascia un commento

banner ad
banner ad