‘COME FACCIAMO A FERMARLA? MEGLIO FARLA!’. COSI’ GIORGETTI SI PORTA AVANTI COL LAVORO DEL GOVERNO SULLA TAP, E ‘TRANQUILLIZZA’ CHE NON CI SARANNO PER QUESTO RIPERCUSSIONI CON GLI ALLEATI CINQUESTELLE

| 19 Agosto 2018 | 2 Comments

(g.p.)______“Sono opere fondamentali che si faranno, ma il governo non è a rischio, alla fine troveremo un accordo”, aveva già detto lo scorso 5 agosto, ad Arcore.

Lui, non è uno qualunque. Quindi la nuova sortita “strategica” di oggi non è una novità, nè personale, nè del suo partito, per Giancarlo Giorgetti (nella foto), 52 anni, sottosegretario alla presidenza del consiglio dei ministri, considerato il numero due della Lega.

Nel corso di un’ intervista a “Il Messaggero” di poche ore fa, ha detto che “Si farà anche la Tap, perché è un’opera che ha comportato grandi investimenti e ha coinvolto numerosi Paesi. Mi sembra difficile che possa essere fermata”.

Per quanto riguarda la Tav, “ci sono investimenti in corso e altri in fase di appalto. Forse la cosa più ragionevole è un ridimensionamento dell’ opera”. 

Queste le novità di oggi, mentre si resta fermi all’ ufficialità, alla decisione rimandata al ‘tavolo di valutazione costi-benefici’ cui gli esponenti più in vista del Movimento 5 Stelle, in più occasioni, nelle scorse settimane, hanno demandato la decisione finale, dopo la discussione con gli alleati di governo, in seguito alle sollecitazioni avute nei mesi scorsi dal Comitato No Tap, dal sindaco di Melendugno Marco Potì, e da numerose associazioni di cittadini, alcuni organi di stampa ed esponenti politici, ad assumere comportamenti consoni a quanto sostenuto in campagna elettorale.

Tavolo però di cui non si è avuto notizia, e anche per i tempi si  è passati da un “presto“, a un “entro fine novembre” e a un “entro la fine dell’ anno”.______

L’ APPROFONDIMENTO nel nostro articolo del 2 agosto scorso

MARCO POTI’ RITORNA CON QUALCHE SPERANZA IN PIU’

LA RIFLESSIONE nella nostra vignetta del 14 agosto scorso

SI’ TAP… NO TAP… ORA SERVE UNA TOPPA – la vignetta di Melcore

 

 

Category: Cronaca, Politica

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Pier Luigi Caffese - tramite Facebook ha detto:

    Tap non è fondamentale ma uno spreco fossile di 2.000 miliardi

  2. Marco Potì - tramite Facebook ha detto:

    C’è il verde e c’è il giallo.
    Vediamo cosa ne pensa il giallo, prima di pensare che è solo il verde che detta la linea della giostra…

Lascia un commento