banner ad

..E GIULIA GRILLO SI DICE DISPONIBILE ALL’ INCONTRO…UN PICCOLO PRO MEMORIA SU COME SIA POSSIBILE CHIUDERE IL MOSTRO, SECONDO QUANTO SOSTENNE IL M5S

| 30 agosto 2018 | 0 Comments

(g.p.)______Con riferimento alla richiesta dei Genitori Tarantini, di cui abbiamo riferito ieri, il ministro della Salute Giulia Grillo (nella foto) ha diffuso questa mattina la seguente dichiarazione: “Accolgo con piacere la richiesta di incontro qui al ministero da parte di un gruppo di genitori di Taranto per denunciare la situazione di costante minaccia alla salute che la città, e in particolare chi abita nei quartieri vicino all’Ilva, è costretta a vivere.

Io personalmente e tutto il Movimento 5 Stelle siamo da sempre attenti alla gravissima situazione di Taranto e della sua popolazione condannata a subire l’insopportabile braccio di ferro tra il diritto alla Salute e il diritto al Lavoro.

Le porte del mio ministero sono sempre aperte per ascoltare i cittadini che chiedono la possibilità di vivere in un ambiente sano e adatto a crescere i propri figli”.

Certo, per quanto riguarda le decisioni da prendere sulla vicenda dell’ Ilva, il ministro competente è quello dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio, decisivo anche il ministro dell’ Ambiente Sergio Costa, ma pure il ministro della Salute può essere determinante.

Sono tutti e tre del Movimento 5 Stelle, “da sempre attenti alla gravissima situazione di Taranto”.

Per loro pro memoria, qui di seguito una piccola documentazione su quanto sostenuto negli anni scorsi, anche per rispondere ai tanti nostri lettori che ieri ci hanno chiesto come e perché sia possibile chiudere il Mostro_____

LA RICERCA nel nostro articolo di ieri

 

LA DOCUMENTAZIONE nei nostri articoli del 17  e 8 settembre 2016

IL M5S SI E’ STANCATO DI ASPETTARE, ORA FA SUL SERIO, NEI FATTI. ‘Riconvertire si può′, DA BARI PARTE L’ INIZIATIVA PER CHIUDERE E RICONVERTIRE, APPUNTO, L’ ILVA E CERANO: “I dati parlano chiaro, di inquinamento si muore”

 

CHIUDERE L’ ILVA, CHIUDERE CERANO: SI PUO’ FARE

Category: Cronaca, Politica

Lascia un commento

banner ad
banner ad