banner ad

UNA PUZZA CHE…PUZZA

| 15 ottobre 2018 | 0 Comments

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. In serata, da Bari, il gruppo del Movimento 5 Stelle al Consiglio della Regione Puglia ci manda il seguente comunicato______

Emissioni odorigene a Presicce, Salve e Acquarica del Capo. M5S: “Avviare i monitoraggi per stabilirne la provenienza”

Avviare le attività di monitoraggio degli stabilimenti che potrebbero essere responsabili delle emissioni odorigene che da mesi interessano i comuni di Presicce, Salve e Acquarica del Capo.

È quanto chiedono il capogruppo del M5S Cristian Casili e il consigliere Antonio Trevisi in un’interrogazione indirizzata all’assessore all’Ambiente Gianni Stea (nella foto, ndr).

 

“I cittadini sono esasperati da queste emissioni maleodoranti – spiegano i pentastellati – che si avvertono nei comuni interessati a seconda della direzione del vento. Bisogna capire quale sia l’origine di queste emissioni ed è grave che al momento non risultino essere stati attivati controlli e monitoraggi specifici. È necessario che gli enti competenti provvedano immediatamente ad eseguire le verifiche e i controlli necessari, prescrivendo al responsabile le dovute azioni di risanamento”.

 

Le segnalazioni dei cittadini riconducono le emissioni alle modifiche, recentemente autorizzate dalla Provincia, del processo di trattamento dei rifiuti liquidi dell’impianto Ecolio 2 situato in località “Spiggiano Canale” al confine tra i comuni di Presicce e Salve. Nella stessa zona è situato un depuratore di proprietà della Provincia di Lecce gestito da AQP.

 

“Chiediamo alla Giunta – proseguono – d’interessare l’ARPA per  predisporre attività di monitoraggio presso gli impianti e le installazioni, che potrebbero essere la  causa delle emissioni odorigene. La popolazione è stanca e preoccupata anche a causa dell’assenza di dati in merito all’eventuale tossicità delle emissioni. Non si può aspettare ancora”. .

 

 

Category: Cronaca, Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Lascia un commento

banner ad
banner ad