SALENTO, IL MARE, IL VENTO, E…LA NEVE!

| 4 gennaio 2019 | 1 Comment

(Rdl)______Lecce città si è svegliata questa mattina in maniera insolita, imbiancata. La nevicata prosegue a tratti.

Le strade cittadine sono percorribili anche se con difficoltà per i pedoni e disagi per gli automobilisti, mentre alcuni svincoli della tangenziale sono stati chiusi e il traffico deviato.

Anche per i treni ci sono problemi, con ritardi in partenza e in arrivo.

Sospesa la circolazione degli autobus delle Ferrovie del Sud Est nelle province di Bari, Taranto, Brindisi e Lecce, per impraticabilità di numerose strade extraurbane.

Nel Salento la nevicata ha assunto caratteri più rilevanti nella zona della Grecìa e dintorni (nella foto), ed ha riguardato anche i centri costieri sia sull’ Adriatico, sia sullo Jonio.

Sono stati temporaneamente chiusi e comunque con traffico estremamente rallentato alcuni tratti della tangenziale est di Lecce, tra Lizzanello e Cavallino, della Statale 6 brindisina tra Mesagne e Francavilla e della Statale 16 tra Lecce e Maglie.

Più pesanti i disagi nel resto della Puglia, soprattutto per chi viaggia: voli dirottati, treni in ritardo e strade gelate in tutta la regione.

Le previsioni meteo indicano ancora neve fino a domani, sabato 5 gennaio.

Category: Cronaca

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Paolo Pagliaro, Forza Italia - tramite mail ha detto:

    “È praticamente scandaloso quello che è accaduto all’aeroporto di Brindisi, concordo con l’on. Mauro D’Attis e sono al suo fianco in questa denuncia. Nel 2019 non si possono dirottare 16 voli e cancellarne 12 perché non si è dotati del de-icing, il macchinario per pulire il ghiaccio dall’aereo. Come mai nel momento in cui è scattata l’allerta meteo chi poteva non ha provveduto a procurare il de-icing?

    È paradossale che Aeroporti di Puglia decida di investire una cifra importante per centinaia di migliaia di euro per entrare come socio nella Fondazione Petruzzelli e poi non trovi una soluzione ad un problema così importante. Il danno provocato a circa 4000 passeggeri è di una gravità unica. Perché l’aeroporto di Bari ha il macchinario e Brindisi no? È inaccettabile, anche qui vogliamo una risposta seria da parte di Emiliano, rimuova subito i vertici e dimostri di non discriminare ancora una volta il Salento. È giusto che si faccia chiarezza in tempi brevi per accertare eventuali responsabilità”.

Lascia un commento