DALLA CASA BRUCIATA A RACALE, AL CARCERE DI BARI

| 5 Gennaio 2019 | 0 Comments

(e.l.)______Incendio in un’abitazione di Racale, con sviluppi successivi clamorosi.

Erano le 7.30 quando sono intervenuti sul posto i Vigili del Fuoco, che hanno domato le fiamme: ingenti i danni, sia alle masserizie, sia alle suppellettili, sia alle strutture portanti, tanto che l’ufficio tecnico comunale ha dichiarato l’immobile inagibile.

Quando sono arrivati i Carabinieri per un sopralluogo, hanno scoperto due tacniche di benzina ancora presenti in casa con residui di liquido infiammabile: da successive indagini, hanno denunciato il proprietario, nel frattempo resosi irreperibile, accusandolo di incendio doloso.

Si tratta di Quintino Reho, 53 anni, di Racale.

E’ stato rintracciato dopo poco, grazie all’impianto din geolocalizzazione presente sulla sua auto Volkswagen Bora con cui era fuggito.

Era in fuga sulla statale per Bari. All’ altezza di Mola di Bari è stato affiancato da una pattuglia di Militari postisi al suo inseguimento, ma non si è fermato all’ ALT, anzi ha cercato di allontanarsi ancora più velocemente. E’ stato alla fine bloccato (nella foto), e arrestato, con l’ulteriore accusa di resistenza a pubblico ufficiale. Si trova ora nel carcere di Bari.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Category: Cronaca

Lascia un commento