banner ad

NUOVO CINEMA LUPIAE / UN FALSO D’AUTORE, UN AMORE PARTICOLARE, E UN KILLER DANTESCO. ECCO IL MEGLIO DA VEDERE NELLE SALE QUESTA SETTIMANA

| 27 febbraio 2019 | 0 Comments

 

di Giuseppe Mauro______

Nasce “Nuovo Cinema Lupiae”, la rassegna nata per potersi districare meglio nella giungla delle proiezioni e godersi l’esperienza della sala. Scopriamo ora cosa ci aspetta al cinema questa settimana.

Sulla scia del momento Oscar, è nelle sale Copia Originale, ovvero quando il tuo peggior crimine è anche la tua opera migliore.

La biografa Lee Israel (Melissa McCarthy), scorbutica ma talentuosa penna, per poter racimolare i soldi per l’affitto s’ingegna a contraffare le lettere di celebrità scomparse. In questo raggiro artistico coinvolgerà il suo amico di bevute Jack (Richard E. Grant), un ironico dandy omosessuale, e nel frattempo il rischio aumenta sempre più. Diretto da Marielle Heller e tratto da una storia vera, è un gioiello di film, dotato di una sceneggiatura brillante e toccante, oltre a un’interpretazione pregevole dei due protagonisti, soprattutto la McCarthy che qui regala la sua miglior prova attoriale, perfetta nel saper dimostrare commedia e malinconia in modo così significativo.

 

Tra le tante commedie all’italiana di questo periodo, questa qui potrebbe essere molto interessante. Si tratta di Croce e Delizia, opera seconda di Simone Godano.

Racconta la vicenda di Tony Castelvecchio e Carlo Petagna, due cinquantenni che si scoprono gay e si innamorano, dai caratteri diametralmente opposti: Tony (Fabrizio Bentivoglio) è sofisticato e immerso nei suoi pensieri, mentre Carlo (Alessandro Gassman) è più popolare e dalla grande umanità.

Cosa succederà quando decidono di dichiarare alle rispettive famiglie il loro imminente matrimonio?

Il classico confronto tra mondi diversi si innesta su una tematica attuale, dal piglio deciso, che certamente un gran cast a disposizione (tra gli attori segnaliamo anche Filippo Scicchitano, visto in Allacciate le cinture di Ferzan Ozpetek, e Jasmine Trinca, qui in un’inedita veste comica) può esaltare al meglio.

 

Se invece cercate qualcosa dal forte impatto visivo vi aspetta il ritorno di uno dei registi più dissacranti e complessi dell’ultimo decennio: Lars Von Trier.

La casa di Jack, presentato fuori concorso al Festival di Cannes, è il nuovo capitolo del tormentato rapporto tra cinema e vita di questo geniale regista maledetto, raccontata attraverso la parabola del serial killer Jack (Matt Dillon) e dei suoi cinque incidenti che lo hanno reso tale.

Davvero impressionante però non è la storia di questo esteta del male oppure la destabilizzante cifra stilistica del fondatore di Dogma 95, bensì l’inaspettato parallelismo con la Divina Commedia di Dante Alighieri, non solo esteticamente o con dichiarate citazioni, ma anche come Von Trier, diabolico e fragile allo stesso tempo, scende nel suo inferno di demoni interiori per poi sviscerarlo sul grande schermo. Non per tutti ma davvero da non perdere.

Appuntamento dunque alla settimana prossima, con nuovi consigli con cui potervi stuzzicare l’interesse e farvi accomodare qui, al Nuovo Cinema Lupiae.

 

Category: Cultura, Eventi

Lascia un commento

banner ad
banner ad