banner ad

SVEGLIA LECCE, DA LISTA CIVICA A MOVIMENTO POLITICO

| 7 agosto 2019 | 3 Comments

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Il consigliere comunale di Sveglia Lecce Giovanni Occhineri  (nella foto) ci scrive_______

Due anni fa, quando mi fu chiesto di candidarmi, non pensavo che sarei stato uno degli attori protagonisti di un vero e proprio fenomeno politico “civico“ che, a Lecce, avrebbe poi fatto la storia.
Sveglia Lecce è nata da un’intuizione politica di Alessandro Delli Noci che ha intravisto la voglia dei giovani leccesi di essere attivi nella vita amministrativa della città e che, al contempo, ha capito che i cittadini avevano necessità di vedere all’opera nuovi volti, contrapposti alle vecchie logiche partitocratiche dei soliti noti.

Dopo un primo risultato, quello del 2017, entusiasmante, oggi Sveglia Lecce è una realtà affermata, avendo conseguito nelle elezioni che si sono appena concluse, un risultato straordinario, un 5% che nessuno degli addetti ai lavori si poteva aspettare; la rappresentanza che oggi la nostra formazione porta all’interno dell’amministrazione comunale, con l’ingresso di due Consiglieri e con la nomina di un Assessore, è il manifesto di una nuova classe dirigente che avanza e che si afferma, frutto di un lavoro che, in soli due anni, l’associazione Sveglia Lecce ha svolto, in campo sociale e politico, con dedizione e passione.

L’attenzione dimostrata verso le categorie più deboli e verso gli stati di necessità più urgenti ha messo in luce una nuova sensibilità, un nuovo modo di intendere la politica che ha attratto nuova linfa, ha generato un bel capitale umano che, all’interno della lista messa in campo alle scorse elezioni, ha fatto la differenza.

Anche sul piano personale, essere oggi Consigliere comunale, dopo l’esperienza da presidente di Sveglia Lecce, rappresenta il frutto del lavoro di quegli amici dell’associazione che hanno dedicato il loro tempo, con la sola voglia di poter avanzare proposte utili alla collettività.
Oggi Sveglia Lecce, con l’entusiasmo dei nuovi arrivati che subito hanno voluto abbracciare la nostra realtà civica, nella totale trasversalità rispetto alle posizioni politiche tradizionalmente intese, si appresta a diventare Movimento Politico, pronto ad affermare e consolidare i principi della solidarietà, della legalità, della sostenibilità ambientale: ciò che ci deve stare a cuore è migliorare la qualità della vita dei nostri concittadini, oltre che la fruibilità di chiunque, a vario titolo, viva la città.

Per tutto questo, sono orgoglioso di essere, all’interno del Consiglio comunale, Capogruppo di questa formazione civica che continuerà a far parlare di sé per la bontà delle proposte che verranno avanzate, anche e soprattutto con il sostegno di chi si impegna, in modo disinteressato ed entusiasmante, dietro le quinte.

 

Category: Politica, Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Comments (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Gianna Rosa ha detto:

    Certu ca nciole curaggiu.

  2. Enzo De Mitri ha detto:

    “Fenomeno politico civico”. Ma se civico sta a significare proprio che non ha nulla di politico. Una lista è per definizione civica quando al proprio interno vi sono diverse componenti politiche o non è n’é nessuna. E questa dobrebe essere la nuova classe politica? Mele c’è materiale per te.

  3. Gigi ha detto:

    Questo signore si candida in una lista con Delli Noci sindaco, che si autodefinisce di destra. Perde e al ballottaggio fa un accordo col candidato sindaco comunista Salvemini. Delli Noci per l’appoggio dato riceve in premio la poltrona di vicesindaco. Nei 17 mesi di governo Salvemini-Delli Noci. Non una iniziativa è riconducibile a Delli Noci, o che sia riconducibile al mondo della destra. L’amministrazione cade si fanno nuove elezioni. Delli Noci è organico al candidato sindaco comunista Salvemini. Delli Noci cambia vestito, non è più di destra è diventato civico. Che cazzo vorrà dire? Vuol dire che in cambio della poltrona ha rinunciato alla sua cultura politica, ammesso che ne avesse una, e comunque alla sua bandiera. Ora lo scugnizzo di Delli Noci, vuole erigere in alto il vessillo della politica nuova, che dovrebbe essere, trasversale, ecologica, onesta, e i cui aderenti devono volere bene alla mamma. SIAMO ALLE COMICHE.

Lascia un commento

banner ad
banner ad