banner ad

PAPEETE BEACH PURE IN PUGLIA? UN MOJITO PER EMILIANO

| 20 gennaio 2020 | 1 Comment

(g.p.)______Come era lecito sospettare, per l’annuncio unilaterale di Fratelli d’Italia, che era sembrato una forzatura, accolto nel silenzio, se non nel gelo, dai partiti alleati – ahimè, il sospetto è l’anticamera della verità – non è ancora detto che sia Raffaele Fitto il candidato del centro-destra alla presidenza della Regione Puglia alle elezioni della prossima primavera, per cui, su tutti i fronti politici, sono in corso da molti mesi grandi manovre.

Esce allo scoperto, o quasi, e comunque l’esperienza insegna che certe dichiarazioni non si fanno mai per caso, la Lega.

Sul quotidiano la Repubblica c’è oggi un’intervista di Carmelo Lopapa a Massimo Casanova (al centro nella foto), 48 anni, eurodeputato, eletto lo scorso anno nella circoscrizione meridionale, imprenditore a Milano Marittima, provincia di Ravenna, sua la spiaggia del Papeete diventata famosa questa estate per l’assidua frequentazione di Matteo Salvini, del quale egli è amico personale, oltre ad avere “possedimenti importanti in Puglia”.

Fra le tante altre cose, oggi Massimo Casanova, in quella che sembra una prima investitura ufficiale, ha parlato chiarissimo: “Vinciamo in Emilia Romagna e puntiamo sulla Puglia. Con Fitto non si vince. Con un uomo della Lega è fatta anche lì, vinciamo facile. Il nome lo sceglie Matteo. Quel che è  certo è che col mio o con un altro, battiamo Emiliano. Se si candida Fitto invece perdiamo”.

Più chiaro di così…

Insomma, la partita candidature per la Puglia è ancora tutta aperta.

Pure sull’altro versante del centro sinistra, dove Michele Emiliano, designato candidato dalle primarie, accolte però con una certa freddezza nella sua coalizione, deve fare i conti con la defezione annunciata di Italia Viva, il nuovo partito di Matteo Renzi, deciso a correre da solo con un proprio candidato.

Come farà pure il Movimento 5 Stelle, che oggi sceglie il proprio con una votazione on line.

Se ne riparlerà comunque la prossima settimana, dopo il risultato delle elezioni regionali di Calabria ed Emilia Romagna, in programma già domenica prossima.

In Emilia Romagna la partita è dura e decisiva per tutti. Si è creata da molti mesi in tutta Italia un’attesa pazzesca. Piaccia, o non piaccia – e, sia chiaro, a noi, come a tanti altri, non piace – domenica 26 nella regione un tempo ‘rossa’, amministrata da cinquant’anni, cioè da sempre, dalla sinistra, non si vota per il nuovo presidente della Regione, e nemmeno più per il governo nazionale, bensì siamo di fronte a un vero e proprio referendum nazionale, per gli Italiani tutti: volete la Lega, il centro destra e Matteo Salvini, oppure volete il Pd, il centro sinistra e Nicola Zingaretti?

La parola al popolo sovrano.______

LA RICERCA nel nostro articolo del 13 gennaio scorso

 

MICHELE EMILIANO, RICONFERMATO CANDIDATO DEL CENTRO SINISTRA, CERCA IL BIS A PRESIDENTE DELLA REGIONE PUGLIA. RAFFAELE FITTO, NOMINATO DAL CENTRO DESTRA, IL SUO RIVALE. IL M5S ANDRA’ DA SOLO. MA FINO ALLA PRESENTAZIONE EFFETTIVA DELLE LISTE A PRIMAVERA, IL QUADRO DELLA SFIDA NON SARA’ ANCORA DEFINITIVO

 

Category: Cronaca, Politica

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. redazione ha detto:

    Il candidato presidente della Regione Puglia per il Movimento 5 Stelle è Antonella Laricchia, consigliere uscente e già candidata presidente cinque anni fa. E’stata scelta attraverso una doppia consultazione on line dagli iscritti.

Lascia un commento

banner ad
banner ad