banner ad

CASA MUSEO SPADA AL BUIO A LECCE VENERDI’ 6

| 2 marzo 2020 | 0 Comments

 

(Rdl)______Anche quest’anno la Casa Museo Spada Antichi Strumenti Musicali aderisce alla giornata del risparmio energetico “M’Illumino di Meno” proponendo ai visitatori nella serata di venerdì 6 marzo visite guidate e brevi concerti a lume di candela.

Il tema della salvaguardia dell’ambiente e del risparmio energetico si fa sempre più pressante e cresce la consapevolezza, specie nelle giovani generazioni, che su questo si gioca il futuro del pianeta: la Casa Museo Spada dal 2010 aderisce alla campagna M’illumino dimeno, promossa dalla trasmissione radiofonica Caterpillar, per la sensibilizzazione al risparmio energetico e per la diffusione di stili di vita sostenibili, invitando visitatori, artisti e studenti alla riflessione su questi temi.

La visita a lume di candela permette di apprezzare le particolari sfumature che gli strumenti musicali, gli arredi e le collezioni emanano, amplificando l’impatto emotivo e sensoriale di un museo: è anche previsto un itinerario sonoro evocativo per bambini e ragazzi e, in collaborazione con gli allievi delle classi di flauto del Conservatorio Tito Schipa di Lecce del Maestro Luigi Bisanti e della Maestra Lucia Rizzello, brevi esibizioni dal vivo, rigorosamente a lume di candela.

Suoneranno Chiara Bianco, Chiara Branca, Francesco Carrozzo, Edoardo Centonze, Maria Colella, Gianmarco Corsano, Elisa De Dominicis,  Beatrice Elia, Giulia Fiorito, Morgana Fischetto, Giulia Fornaro,  Irene Guido, Arianna Picci, Daniela Salonna, Rebecca Savoia, Chiara Shqepa, Stefano Strummiello.

La Collezione Spada è custodita in una antica fabbrica di scarpe, la Fratelli Gidiuli, sita all’interno di Palazzo Prete a Lecce: conta circa mille strumenti costruiti dalla metà del XVII secolo al primo Novecento, oltre che due piccole collezioni, una di flauti peruviani a tacca, di età precolombiana e un’altra di strumenti etnici extraeuropei. Si compone anche di un importante corredo iconografico e di una biblioteca di oltre duecento tra partiture, manoscritti e libri a tema musicale.

Gli strumenti sono organizzati in ambienti per contesti d’uso, il percorso è arricchito da proiezioni audio-visive e contributi sonori; ogni ambiente è corredato da apparati didattici in grado di fornire informazioni in forma comprensibile, limitando i termini tecnici o comunque spiegandone il senso, per consentire la visita anche senza catalogo. Inoltre, attraverso una postazione touch-screen, il visitatore potrà suonare virtualmente alcuni degli strumenti ospitati dalla collezione, di ogni pezzo potrà leggere una descrizione, ascoltare il suono e approcciarsi, attraverso un breve filmato, alla postura del suonatore e alla tecnica esecutiva.

I visitatori possono suonare virtualmente tutti gli strumenti in grado di emettere dei suoni attraverso l’uso di postazioni touch-screen o direttamente dai propri dispositivi mobili utilizzando dei codici QR: sarà possibile leggere e stampare una scheda specifica e particolareggiata di ogni strumento, o leggerne una descrizione sintetica, o ancora, attraverso brevi filmati, ascoltarne il suono, osservare la postura del musicista e la tecnica esecutiva.

Ogni visitatore potrà dunque ascoltare i suoni di strumenti rari e inconsueti spaziando tra gli strumenti allocati nelle diverse stanze, ognuna dedicata ai vari contesti d’uso, garantendo quindi una fruizione più facile e intuitiva rispetto ai criteri catalografici dei musei tradizionali.______

Indirizzo: via Sindaco Lupinacci 11, Lecce

Ingresso su prenotazione

Data: venerdì 06 marzo 2020

Orario: 20.00 – 23.00

Per info e prenotazioni chiamare il numero 3287496672 o scrivere a collezionespada@gmail.com

 

Category: Cultura, Eventi

Lascia un commento

banner ad
banner ad