“Volevo vedere l’invisibile…”

| 11 maggio 2020 | 1 Comment

Come chi conosce il terzo respiro E cammina di notte sulle impronte”…DONATO DI POCE SCRIVE DI ARTISTI. POETICAMENTE

(s.d.)_____Nuovo libro di Donato Di Poce (nella foto), poeta, critico d’ arte, scrittore di aforismi e fotografo, che vive e lavora a Milano., “Poetiche dell’Invisibile” unico nel suo genere, su “Pittura, Fotografia e Scultura nell’Arte contemporanea”, fresco di stampa per I Quaderni del Bardo Edizioni, un tentativo di VEDERE L’INVISIBILE:

“Volevo vedere l’invisibile

Come chi conosce il terzo respiro

E cammina di notte sulle impronte

Di un pianeta rosso

E libera piume evanescenti

Su nuovi orizzonti di luce”.

 

Come spiega l’autore stesso, “il libro raccoglie, a grande richiesta, miei testi di Critica d’Arte dell’ultimo decennio, e mette insieme tre fortunati e-book-  (Pittura dell’invisibile, Fotografia dell’invisibile e Scultura dell’invisibile) scritti per il catalogo di mostre di pittura, interviste  o recensioni per riviste d’Arte e Blog, ed hanno la particolarità di ruotare trasversalmente intorno ad Artisti che consapevolmente o no hanno lavorato sul concetto di vedere l’invisibile” e che “hanno avuto o hanno un rapporto intenso con i poeti e  la poesia”.

 

Come scrive nella prefazione Sergio Ragaini: “Lo scopo dell’arte non è quello di descrivere il visibile, ma di rappresentare l’invisibile.

In questa frase, credo, c’è tutto il significato dell’arte di oggi. Ma non solo; c’è anche tutta la filosofia del Novecento, e i cambiamenti che questa ha portato nella visione della realtà. In qualche maniera ribaltando tutte le certezze che i secoli precedenti avevano portato, per cercare qualcosa di nuovo, nuovi paradigmi, nuove espressioni”.______

 

 

 

mail: iquadernidelbardoed@libero.it

 

Category: Cultura

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Donato Di Poce ha detto:

    Grazie!

Lascia un commento