“Il tempo ruba i contorni ad una fotografia”. PALERMO, SAN FOCA, ROMA, BAKU. UNA CARTOLINA DI leccecronaca.it PER L’AMBASCIATORE DELL’AZERBAIGIAN A ROMA, E PER IL PIU’ ILLUSTRE DEI SUOI OSPITI ALLA FESTA DI DOMANI

| 26 maggio 2020 | 0 Comments

(g.p.)______Domani, mercoledì 27 maggio 2020 – informa una nota d’agenzia – in occasione della Festa Nazionale della Repubblica dell’Azerbaigian, l’ambasciata in Italia ha promosso una video-conferenza su «L’importanza della data del 28 maggio nella storia dell’Azerbaigian e il partenariato strategico tra Italia e Azerbaigian».

Sarà trasmessa in diretta sulla pagina Facebook dell’ambasciata, come recita l’invito.

Niente da ridire, ogni Stato si auto celebra al meglio, e – è proprio il caso di dirlo – si fa gli affari suoi, e dei suoi governanti.

Ora, adesso non è il caso di ripetere cose già note e consolidate, sugli intrecci affaristici e lobbystici intercorsi in tutti questi anni fra essi e le istituzioni europee, e pure quelle italiane, soprattutto a proposito della costruzione del gasdotto Tap.

Auguri e buona celebrazione, sarà un apericena di lusso: ci saranno pure le scatolette di caviale che regalavano ai politici europei ed italiani?

Adesso però, visto il più illustre degli ospiti attesi per domani in ambasciata, è il caso di tirare fuori dal nostro archivio una foto, vincendo la tristezza, che ne deriva, sopravvivendo allo squallore che ne consegue, per chi ha dimenticato tutto, e per qualche poltrona è passato sulla pelle dei cittadini che diceva di voler difendere, sulla distruzione di quel territorio che diceva di voler tutelare.

Il più illustre degli ospiti atteso per domani è Manlio Di Stefano, 39 anni, di Palermo, sottosegretario al Ministero degli Affari Esteri.

La foto del nostro archivio è del 15 maggio 2014, scattata sulla spiaggia di San Foca, dove i neo eletti parlamentari del Movimento 5 Stelle si erano dati appuntamento per concertare le iniziative da intraprendere per fermare la costruzione del gasdotto Tap.

Da là verranno i cortei, magnifico quello con Beppe Grillo in persona del 21 settembre 2014, verranno le promesse, celeberrima quella di Alessandro Di Battista del 2 settembre 2017: “Quando saremo al governo, lo bloccheremo definitivamente in due settimane”.

In questa foto, anche se non si vede bene, sono presenti, fra gli altri, sui quali stendiamo quel pietoso velo, Alessandro Di Battista e – udite udite – Manlio Di Stefano.

Ora al governo, anzi a due, ci sono andati, ma si sono rimangiato tutto.

Ora, vanno a mangiare in casa dell’ambasciatore dell’ Azerbaigian.

______

LA RICERCA nel nostro articolo del 15 maggio 2014

NO TAP SENZA SE E SENZA MA intervista ai deputati del M5S di Tonio Leuci.

 

 

 

Category: Cronaca, Politica

Lascia un commento