IL LECCE / IL PREPARTITA / LA VIGILIA DEI DUE MISTER

| 25 Giugno 2020 | 0 Comments

(Rdl)______Al termine della rifinitura prima della partenza per Torino (si gioca domani venerdì 26 giugno alle 21.45), mister Fabio Liverani ha fatto il punto della situazione in casa giallorossa. Ecco una sintesi delle sue dichiarazioni: “Barak viene da 15-20 giorni in cui è stato fermo e quindi dobbiamo aumentare il suo minutaggio senza rischiare una ricaduta. Dobbiamo essere cauti. Per il resto degli infortunati non so dare una risposta sui tempi di recupero precisi.

La nostra rosa è questa, purtroppo giocare ogni tre giorni per noi è uno svantaggio, in più ci sono acciacchi e piccoli infortuni. L’elenco degli assenti è sotto di occhi di tutti e se su una squadra di venti giocatori ne togli cinque diventa difficile fare troppi cambiamenti. Però quelli che ci sono mi danno ampia disponibilità: cercherò di mettere in campo una formazione equilibrata per fare una gara attenta.

Quando si gioca ogni tre giorni non c’è tempo per guardarsi indietro. Con lo staff tuttavia abbiamo analizzato la sconfitta e metteremo a punto degli accorgimenti. Ce lo siamo sempre detti, per mantenere questa categoria dobbiamo fare qualcosa di straordinario. L’ordinario individualmente non ci basterà mai. 

Il nostro morale non è alto, quando si perde 4-1 in casa non può esserlo. Ma noi abbiamo un punto di forza: viviamo così dall’inizio del campionato. Questa è la forza di questa squadra: il passato non si può cambiare, si può cambiare il presente e il futuro.

La squadra deve rimanere sempre viva e deve credere in quello che fa. Lotteremo con tutti ma io sono convinto che questa squadra ha margini, possibilità e scontri diretti per restare in serie A.

La Juve è la Juve, vive per vincere sempre e comunque a prescindere dall’avversario. Vorrà chiuderci e mettere subito la partita in discesa, hanno la qualità e la mentalità per poi gestire le partite. Noi dovremo essere bravi nel creagli qualche difficoltà, restando compatti e non concedendongli palle tra le linee. Dobbiamo farli giocare male”.

 

Nel pomeriggio a Torino ha parlato l’allenatore della Juventus Maurizio Sarri. Ecco in sintesi quello che ha detto: “Higuain è sensibile, tutto quello che gli è successo a livello personale e globale lo ha lasciato disturbato. Nel momento del rientro lui pensava che non fosse neanche giusto tornare a giocare. In più ha avuto questo piccolo infortunio. Ora mi sembra che stia ritrovando quella voglia che aveva all’inizio e per noi può essere un ritorno importante.

Io ho sempre visto le gambe a disposizione del cervello e mai il contrario. L’aspetto mentale è prioritario, la condizione oggi non è ottimale per nessuno. Possiamo un po’ crescere, ma poi ci saranno condizioni climatiche non proprio ottimali. Il livello motivazionale è fondamentale.

Dobbiamo guardare a noi, alle nostre prestazioni perché questo ci porta ai risultati. Il nostro non è un vantaggio sostanzioso. Ci sono 33 punti in palio e dobbiamo volere punti in tutte le gare e concentrarci solo ed esclusivamente sulla prossima.

Partite tutte difficili, le condizioni fisiche non sono ottimali, adesso è tutto più difficile. Dobbiamo essere bravi noi e non essere presuntuosi. Il Lecce fa meglio in trasferta che in casa. Dobbiamo conquistare il risultato”.______

LA RICERCA nel nostro articolo di questa mattina

IL PUNTO SUL CAMPIONATO

Category: Sport

Lascia un commento